AVVISO

Scusandoci per l'inconveniente, informiamo i nuovi utenti i quali desiderino commentare gli articoli che la registrazione deve essere fatta tramite Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

Login Form






Password dimenticata?
Nessun account? Registrati

Cerca


 
  SiteGround web hostingCredits
Crisi di nervi PDF Stampa E-mail

20 Ottobre 2014

 

 

Da Rassegna di Arianna del 15-9-2014 (N.d.d.)

 

  

Siamo sull’orlo di una crisi di nervi? Pare proprio di si: il neo presidente del Consiglio Europeo Donald Tusk evoca la “grande guerra con la Russia”, invitando implicitamente l’Europa a prepararsi a menare le mani, David Cameron gli va dietro, Hollande assume pose da dittatore romano davanti al Rubicone, il premio Nobel per la Pace Obama va a corrente alternata: un giorno minaccia apocalissi ed il giorno dopo si ritira. E sui giornali si leggono cose impensabili sino a qualche settimana fa. Ezio Mauro legge le crisi contemporanee di Ucraina ed Iraq come un attacco congiunto all’Occidente ed ai suoi valori di libertà, di stato di diritto, al suo stile di vita, anzi, (diciamolo!) alla sua civiltà. Anni Cinquanta: il Mondo Libero contro l’Urss. Bello l’accenno al carattere ontologicamente imperialista della Russia che “ha preceduto, accompagnato ed è sopravvissuto al comunismo”: sembra di leggere il “lungo telegramma” di George Kennan. Nessun dubbio sulle guerre del Golfo e sui 400.000 morti costati agli iraqueni, o sulla gestione demenziale dell’occupazione dell’Iraq, sulle bestialità fatte dall’intelligence americana, sugli effetti politici di quello che fa Israele ai palestinesi: tutti spiacevoli equivoci. E nessun dubbio neppure sul fatto che anche i russi possano avere le loro ragioni. Putin è un dittatore? Si, ma perché a Kiev sono allievi di John Locke e Tocqueville? Oppure a Wall Street c’è il club Voltaire? La strage di Odessa? Perché c’è stata una strage ad Odessa? Quando? Nel 1942?

L’apoteosi arriva con Giuliano Ferrara che invoca la “guerra di religione” con l’Islam: “L’unica risposta è in una violenza incomparabilmente superiore”. Sic! Il che suona semplicemente come un invito ad usare armi nucleari (beninteso: tattiche, piccole, mica roba pesante!). Poi è travolta ogni distinzione fra jihadismo, fondamentalismo ed islam in quanto tale: tutto un mucchio. Che sta succedendo? È l’effetto delle macchie solari? Oltre che quello di ebola c’è in giro il virus della demenza? Niente di tutto questo: per la prima volta si sta manifestando una crisi di panico delle classi dirigenti occidentali, di fronte all’evoluzione imprevista della globalizzazione, che si era immaginata come la marcia trionfale dei valori dell’Occidente nel Mondo e si sta trasformando in un incubo. “Perché ci sparano addosso quei popoli che dovrebbero ringraziarci, visto che gli portiamo la libertà, il benessere, la democrazia, la cultura? È chiaro: è colpa dei Putin, degli Osama, dei despoti che hanno paura della nostra libertà ed aizzano i loro popoli per mantenersi al potere”. L’Occidente (cioè gli Usa con il solito codazzo di lacchè europei, australiani e giapponesi) ama consolarsi della sua sconfitta politica raccontandosi la favoletta della congiura dei tiranni contro di sé. Si sente assediato da una Cina che cresce (e si arma) troppo in fretta, da una Russia che è l’orso imperialista di sempre, all’Islam che è la solita armata di pidocchiosi sanguinari, dai sudamericani che sono ingrati, incapaci e non vogliono pagare i loro debiti ed anche da quei sornioni degli Indiani che non si sa mai da che parte stiano.

Il Mondo odia l’Occidente: e non vi dà nessun sospetto? Il fatto è che l’Occidente ha innescato la sua decadenza con le delocalizzazioni, per non pagare tre centesimi in più i suoi operai, con la totale deregolamentazione finanziaria, che ha sottratto i capitali al fisco producendo la voragine dei debiti pubblici, con il ritorno di spaventose diseguaglianze sociali interne, che compromettono la stessa efficienza del sistema, con una selezione demenziale delle classi dirigenti, sempre meno capaci di gestire l’enorme potere affidatogli, con la corruzione, che fa crollare la legittimazione del sistema. Ora raccoglie i risultati di questa semina disastrosa, si accorge che la sua egemonia traballa sempre più e, invece di avviare un serio esame dei propri errori, mette mano alla fondina della pistola. Questo non vuol dire che gli altri non abbiano i loro torti, che l’Isis faccia bene a decapitare i suoi prigionieri e Putin a cercare di risolvere la crisi Ucraina a schiaffoni o i cinesi a tenere forzatamente basso lo yuan renminbi; ma le responsabilità preminenti sono certamente degli Usa e dei loro scagnozzi, che rifiutano ostinatamente di prendere in considerazione l’ipotesi di un diverso ordine mondiale. Non sono tanto utopista da pensare ad un ordine mondiale idillico e senza egemonie, né tanto ingenuo da pensare ad un potere che si spoglia da sé. Ma il momento storico che stiamo attraversando richiederebbe maggiore saggezza: l’egemonia costa, ha dei costi. L’“Occidente” se li può ancora permettere?

La situazione mondiale dei debiti sovrani è tale che i debiti degli stati occidentali (Usa in testa, poi Giappone, Italia, Inghilterra, Francia, ed anche la virtuosissima Germania) hanno superato la soglia del 90% del Pil e, pertanto non sono più restituibili, tanto più a ritmi di crescita che, quando va di lusso, arrancano fra il 2 ed il 3% ed in diversi casi hanno il segno meno davanti. Dunque, diciamocelo una buona volta, i nostri stati sono quasi tutti tecnicamente falliti, perché il momento in cui non si riuscirà a pagare gli interessi non è lontano, se è vero, come è vero, che gli interessi sul debito ormai eguagliano ed in diversi casi superano l’incremento del Pil. In una situazione del genere, non sarebbe il caso di discutere una ristrutturazione mondiale del debito, compensandone una parte con i reciproci crediti ed un’altra con lo scambio fra moratoria e quote di potere mondiale? Può l’Occidente, nelle condizioni attuali, pretendere il monopolio delle posizioni apicali nel Fmi, nella Bm, nel Wto? Un ordine mondiale, sia monetario che politico, fondato sull’egemonia di un gruppo di 7-8 grandi potenze (Usa, Giappone, Cina, Brasile, India, Russia, Sud Africa e, se riesce ad esistere, Ue), sarebbe sicuramente più equilibrato e, attraverso un efficiente sistema di regolazione dei conflitti internazionali, consentirebbe una riduzione bilanciata della spesa militare. Sarebbe il declino dell’egemonia occidentale, ma non per il passaggio ad un’altra egemonia monopolare, bensì ad una egemonia bilanciata e condivisa. Tutto questo non è ritenuto degno di considerazione da parte delle nostre classi dirigenti che, piuttosto che cedere il loro vacillante monopolio di potere, pensano di passare alle armi. Non è il “mondo dei tiranni” ad avere paura delle libertà occidentali. È l’Occidente ad avere paura della propria decadenza, che legge nello specchio della crisi.


Aldo Giannuli 

 
Cavie da laboratorio PDF Stampa E-mail

18 Ottobre 2014

Image 

 

 Il c.d. “decreto stadi” è stato definitivamente approvato dal Parlamento, con la rapidità e la solerzia dovuta ad un problema di ordine pubblico così rilevante. In un Paese che conta circa 500 morti all’anno per violazione delle norme sulla sicurezza sul lavoro, è evidente che debba avere la priorità assoluta il fenomeno della violenza negli stadi, che di vittime ne ha causate meno di dieci (compresi gli omicidi commessi da poliziotti) negli ultimi 30 anni. Del resto la dittatura mediatica significa proprio che ciò che conta è solo quello che finisce nell’occhio della telecamera. La morte del povero Ciro Esposito indigna (giustamente), mille altre passano inosservate. Chi “regge” la telecamera, in definitiva, detta la priorità dell’agenda politica. Niente di sorprendente, la storia recente è piena di episodi ancora più significativi di questo meccanismo, vedasi da ultimo le vittime dell’ISIS a confronto con quelle di oltre dieci anni di stragi americane in Afghanistan.

 

Purtroppo non sorprende neppure il silenzio, o peggio ancora il plauso, che sta accompagnando l’introduzione di una legge che difficilmente avrebbe potuto essere approvata nel Cile di Pinochet. 

Autentiche “perle” come la sperimentazione della pistola elettronica, la parificazione degli ultras a mafiosi e terroristi sotto il profilo dell’applicazione di misure restrittive della libertà personale, l’introduzione del DASPO di gruppo (un abominio giuridico senza precedenti), l’arresto in flagranza differita per chi intona cori di “discriminazione etnica e territoriale” non sono però semplicemente provvedimenti di stampo autoritario e liberticida. Sono sperimentazioni molto più sofisticate, perfettamente in linea con lo spirito dei tempi, nei quali alla democrazia (se mai è esistita) si sostituisce il sondaggio di gradimento, allo Stato di diritto quello di emergenza, alla censura l’apartheid mediatico, all’olio di ricino il DASPO.

Il Potere non deve far paura, deve creare i presupposti perché sia il cittadino bue ad invocarne l’intervento senza badare troppo al sottile.

Funziona più o meno così: prima di tutto si crea l’emergenza. In questo è fondamentale, come abbiamo appena detto, il ruolo dei media. Ma sbaglierebbe chi pensa che siano per forza tutti pilotati. Qui, ed è questo in fondo il vero dramma, non c’è neppure bisogno della Spectre. Qualche giornalista cerca anche la verità, ma in un mondo nel quale la verità è solo quella che appare (in televisione), al giornalista stesso non resta che amplificare un fenomeno di per sé già mediatico. Ed il calcio, specie in Italia, si presta perfettamente allo scopo. Un insulto razzista pronunciato in una lite tra automobilisti non fa notizia, ma se è proferito durante la rissa di una partita di serie A scatena processi mediatici infuocati, con spietata caccia alla lettura del labiale incriminato. È facile dunque far apparire una scazzottata da stadio come un grave ed intollerabile problema di ordine pubblico e Genny la carogna un cancro da estirpare al pari di Osama Bin Laden (l’accostamento non è casuale…). Basta leggere, ad esempio nel blog dei quotidiani on line, i commenti dei lettori a notizie come quella relativa all’approvazione della legge in questione: il più moderato si scandalizza perché invece del DASPO andrebbe data la galera.

Gli stadi, nella ricostruzione mediatica della realtà, vengono dipinti come luoghi dove le attività criminali dilagano senza controllo, autentiche terre di nessuno dove sarebbe in vigore un diritto molto più lassista e mite nei confronti dei delinquenti. Strano, pensavamo che questo fosse vero per certi quartieri dove la Polizia neppure osa entrare o per interi paesi dove regna la pax mafiosa, non per un luogo al quale non si può accedere neppure con un accendino in tasca, dove è vietato usare un megafono, si entra previa identificazione con un apposito strumento (la tessera del tifoso), si è costantemente spiati dalle telecamere e sono schierate imponenti forze di Polizia.

Una volta creato (o infinitamente ingigantito, che è la stessa cosa) il problema, scatta la necessità delle inevitabili contromisure. Non bastano le leggi ordinarie, urgono provvedimenti speciali. Ad invocarli è il popolino, quello che si esprime sui social network o nei talk show, questa massa indiscriminata al contempo generatrice e vittima delle idee che fanno tendenza. Al massimo è indifferente davanti all’ennesima violazione di quelli che vengono ancora spacciati come diritti inviolabili.

E poi, diciamolo chiaramente: ma chi se ne frega degli ultras. Quattro imbecilli violenti che si picchiano per un pallone non meritano altro.

È passato il Patriot Act, cosa volete che sia la legge sugli stadi?

Ed ecco che è bello pronto un pacchetto di misure che domani potrà tornare buono per qualche altra categoria, magari i manifestanti nelle piazze. Certo, solo quelli violenti e cattivi. Tipo, che so, i NO TAV. Una bella pistola elettrica calmerà anche i loro bollenti spiriti.

È ora di farla finita con questa gente che ha ancora voglia di indignarsi, di lottare, di resistere. Che non si mette in fila in strada solo per comprare l’ultima generazione di I-phone.

Un po’ di repressione, ma soprattutto il consenso – o il silenzio – di chi è rimasto in casa. Statevene lì, sotto una calda coperta. Accendete la televisione e gustatevi lo spettacolo.

 

Andrea Marcon

 
Lega debossizzata PDF Stampa E-mail

17 Ottobre 2014

Image 

 

Da Rassegna di Arianna del 14-10-2014

 

Matteo Salvini, vola a Mosca per ricucire i rapporti con la Russia, dopo le sanzioni scellerate dell’Ue a direzione Atlantica, che hanno costretto Mosca a prendere legittime contromisure in materia commerciale col risultato di colpire ancor di più la nostra economia, già martoriata dalla crisi e dalla linea di austerity europeista. In totale controtendenza rispetto alla nostra classe politica, allineata ai desiderata di Washington, da “Mr Bean” Renzi fino alla Mogherini, Matteo Salvini decide di partire in missione diplomatica con una delegazione della Lega per un incontro con alti rappresentanti alla Duma e importantissime personalità del mondo imprenditoriale russo ed italiano. A chi gli chiede se incontrrerà Putin, Salvini risponde di non mirare a tanto, ma che gli incontri saranno di altissimo livello. Tale iniziativa di apertura ad Est, fa il paio con la visita a Pyongyang in Corea del Nord, in compagnia di un altro originale personaggio, il senatore di Forza Italia Razzi, che ha dipinto il leader coreano Kim Jong un come un grande leader politico.

 

Tali missioni appaiono sicuramente come eventi piu’ degni di interesse, rispetto al pantano politico nostrano, diviso oramai tra chiacchiere inutili su Jobs Act e riforme sempre annunciate e mai attuate dal giovanotto rampante fiorentino, che da 6 mesi a questa parte, (se si esclude una mezza riforma al Senato) non ha apportato nessun cambiamento ed appare invece allineato coi suoi predecessori Monti e Letta, sul rispetto dei parametri di Bruxelles e sulla liquidazione delle aziende pubbliche di punta del nostro Paese (Eni, Enel, Finmeccanica) che ci danno ancora un peso, sullo scacchiere internazionale.

 

Ma cerchiamo di capire quale potrebbe essere il presente ed il futuro prossimo della Lega, oramai debossizzata e se essa potrà aspirare a divenire una sorta di Front National per l’Italia sul modello francese. Sappiamo che la Lega 2.0 di Salvini, non conserva quasi piu’ nulla della Lega di Bossi e che la natura regionalista, le battaglie per il federalismo e la secessione, sembrano esser state riposte in soffitta per abbracciare un prospettiva nazionale e sovranista. I cavalli di battaglia principali della nuova Lega, sono l’opposizione all’Europa dei burocrati e dei banchieri di Strasburgo e Bruxelles, che stanno distruggendo il tessuto produttivo nazionale; la lotta all’immigrazione clandestina, che riversa sulle nostre coste milioni di disperati, che sono causa di: di esclusione sociale, aumento di livello di insicurezza sul territorio nazionale, funzione di manodopera a basso costo per le multinazionali con dumping sui salari; infine, difesa del mondo produttivo, dalle piccole medio imprese fino al mondo operaio, entrambi vittime principali della globalizzazione economica e del rigore imposto dalla Germania della Merkel su Bce e politiche di bilancio.

 

Mentre gli incontri della delegazione leghista con esponenti del calibro di Aleksey Puskov, Presidente della commissione esteri della Duma, con il putiniano Sergej Naryshkin, fino all’ideologo eurasiatista Alexander Dugin e la visita in Crimea, pongono la Lega in direzione davvero opposta alle linee guida atlantiche ed europeiste, e come ha sostenuto lo stesso Salvini, ad una necessità di aprirsi a nuove realtà geopolitiche e continentali perché : “non esiste solo l’american way of life”. Parole che suonano davvero rivoluzionarie e fanno ben sperare, soprattutto, se si considera il posizionamento del partito di Salvini con altre forze euroscettiche e sovraniste nel gruppo all’Europarlamento guidato da Marine Le Pen. Ed è a tal proposito che ci sembrano interessanti i rapporti con la Russia di Putin, che pare essere molto vicina (addirittura con finanziamenti) anche al Front national francese e al movimento nazionalista greco Alba Dorata. Come è riportato infatti da Maurizio Blondet in altra sede, sembra che la Russia voglia stringere rapporti con movimenti indentitari e sovranisti europei, che possano in qualche modo aiutare in una azione “antiatlantista” ed emancipatrice dal dominio, politico e culturale, a stelle e strisce.

In questo momento ci pare ancora prematuro ed incauto, considerare Salvini ed il suo movimento capace di tale azione rivoluzionaria, o addirittura parlare come ha scritto Sebastiano Caputo sull’Intellettuale dissidente, di “svolta eurasiatica” della Lega, ma di sicuro certi contatti e certe dimostrazioni di apertura, non possono lasciare indifferenti.

Starà al leader leghista rendere reali i suoi buoni propositi. Di certo, possiamo sostenere che le prime mosse del leader del carroccio fanno ben sperare nella concretizzazione di una politica estera audace, coraggiosa e che sappia guardare con convinzione ad Est, in funzione di una nuova proiezione strategica dell’Italia.

 

Antonio Terrenzio

  

 
La vera peste PDF Stampa E-mail

16 Ottobre 2014

Image 

 

Da Rassegna di Arianna del 14-10-2014 (N.d.d.)

 

Ecco: ci risiamo. O potremmo riesserci. Noialtri occidentali, che magari non saremo felici (la felicità non si compra) ma che comunque apparteniamo a una società ricca, democratica (più o meno), avanzata, mediamente longeva e perfino colta o sedicente tale, di solito ci crediamo fuori dal gorgo crudele della storia che pure, almeno fino a qualche decennio fa, non è stata tenera nemmeno con noi. Le guerre, le carestie e le epidemie – ricordate i vecchi Cavalieri dell’Apocalisse? – sono ormai roba che una volta angustiavano i nostri antenati e ora gli altri, i popoli di altri continenti. Altri tempi, altri luoghi: sempre insomma gli “altri”. Noi non c’entriamo.

E invece no. Basta un nonnulla e ci rendiamo conto che davvero il passato non passa mai e che in tempi di globalizzazione è diventato molto più vero di prima l’antico adagio che “tutto il mondo è paese”. I cicloni, gli tzunami, le eruzioni vulcaniche, i terremoti e le inondazioni che anche ultimamente (si pensi alla nostra Genova) hanno colpito il pianeta nel quale abitiamo, ci hanno messi di nuovo di fronte alla terribile maestà di una natura che di solito c’illudiamo di aver domata e di padroneggiare; e l’invasione recente di una frotta di 35.000 poveri trichechi in Alaska, che il surriscaldamento – in parte forse dovuto all’uomo – ha scacciato dal loro habitat, ci ha richiamato alla dura verità che alcuni tra gli stessi esiti della nostra pretesa onnipotenza tecnologica possono rivolgersi contro di noi. E lasciamo da parte la guerra, questa nostra millenaria compagna, che di recente – magari sotto forma di attentati terroristici – è tornata a lambire quello stesso Occidente che si era illuso di esserne ormai fuori fin dal ’45 e al massimo di dover andarla a combattere in casa altrui. Nonché le migrazioni di popoli, che a molti hanno richiamato, magari con qualche esagerazione, l’immagine delle antiche “invasioni barbariche”

Ma fra tutti i revenants – letteralmente, “gli spettri che ritornano” -, il più inquietante anzi pauroso è quello della pandemìa, del contagio progressivo e inarrestabile che deve compiere il suo ciclo e che non si esaurisce se non ha profondamente colpito e sconvolto tutti i popoli, senza arrestarsi dinanzi a nulla, né ai mari né alle montagne. Da essa nascono le sconvolgenti immagini del “Trionfo della Morte” e della “Danza macabra”, con i loro scheletrici protagonisti in atto d’insidiare, atterrire e perfino grottescamente sedurre tutto il genere umano, dagli imperatori e dai papi fino ai miserabili ma anche alle belle fanciulle e ai teneri infanti. La Morte che non concede quartiere a nessuno, che non si lascia né muovere a pietà né corrompere. L’immagine riflessa della nostra fragilità e della nostra disperazione.

Ne hanno parlato tutti, perché le malattie contagiose sono tanto antiche quanto tremende. Le frecce di Apollo “sminteo” (il “Signore dei Topi” sui quali cavalcano le pulci portatrici del bacillo) nell’Iliade; la “peste di Atene” al tempo di Pericle, di cui parla Erodoto; quella di Giustiniano nel VI secolo, descritta da Procopio di Cesarea; la “Morte Nera” del 1347-52, magistralmente evocata da Giovanni Boccaccio che fortunosamente l’attraversò; quella del 1630, che riempie di sé le pagine più drammatiche di Alessandro Manzoni; e infine le immagini esistenziali e metastoriche dell’epidemia descritte da La Peste di Albert Camus e dal film Il Settimo Sigillo di Ingmar Bergman. L’universale pandemia che meglio di qualunque altra sciagura sembra prefigurare l’immagine della “fine del mondo”.

Ovviamente, nel tempo abbiamo definito “peste” malattie in realtà diverse da quella vera e propria, nelle due versioni “polmonare” e “glandolare” (“inguinale” o “bubbonica”) provocate dal batterio pasteurella pestis, o yersinia pestis, sino alle febbri di varia origine – sovente tifoidea – con le quali esse sono state nel tempo confuse. Ma se la peste vera e propria restò in effetti endemica in Europa tra XIV e XVII secolo, e molto più a lungo in Asia, ad essa nel tempo si aggiunsero altre epidemie non meno pericolose e letali, dal vaiolo al colera fino alla “spagnola” del 1918, della quale sta per ricorrere il centenario.

Da allora, di tanto in tanto siamo stati attraversati da “grandi paure” per epidemie che di solito si sono rivelate dei falsi allarmi, come l’”asiatica” o la “mucca pazza” di qualche anno fa. Ma un incubo più durevole, e giustificato, è stato e resta quello del virus hiv, che divenendo attivo provoca l’epidemia di aids i primi casi della quale furono segnalati a Léopoldville in Congo (oggi Kinshasa) e che è arrivata a 76 milioni di casi.

È l’Africa, che ci ha nel tempo regalato la forza-lavoro dei suoi schiavi e dalla quale oggi le lobbies multinazionali drenano i tesori che ci fanno ricchi mentre la maggior parte dei suoi abitanti sopravvive sotto il fatidico livello dei due dollari giornalieri, ad essersi vendicata su di noi con l’aids e a continuare adesso a vendicarsi con l’ebola, il virus segnalato per la prima volta nel 1976 nel bacino del fiume congolese che le ha dato il nome, l’Ebola.

C’è una vignetta che in questi giorni sta facendo il giro del mondo: il volto nero di un africano, dai tratti indistinguibili ma dagli occhi minacciosi, accompagnato dalla scritta “Vi siete dimenticati dell’Africa, ma l’Africa non vi dimentica”. E’ una frase terribile, che richiama certi proclami dei guerriglieri jihadisti del Mali settentrionale o del delta del Niger. E non a caso, cominciano a circolare sinistre voci, auguriamoci infondate, che associano il diffondersi dell’ebola a una sorta di “vendetta virale” escogitata dagli estremisti islamici contro l’Occidente. Anche in ciò, badate, nihil sub sole novi: nell’Europa del 1348 e del 1630 si parlò di una congiura di criminali (ebrei, saraceni e stregoni nel primo caso; “untori” nel secondo) intesa a diffondere il contagio per mettere in ginocchio la Cristianità.

E torna l’espressione fatidica: il ”Male assoluto”, identificato dopo il 1945 nel razzismo nazista e quindi dalla propaganda reaganiana degli Anni Ottanta nel sistema sovietico e da quella bushista dei primi del nostro secolo nell’Islam allora definito “fondamentalista”. Si ricorderà forse come Massimo Cacciari rispondesse a quei tentativi di assolutizzazione etica identificando con un gioco di parole il “Male radicale” nella pretesa che alla civiltà occidentale fosse intrinseca una superiorità etica in grado di rendere ipso facto universali i suoi valori, e nel nome della quale sembrava ovvio demonizzare tutte le espressioni di civiltà fondate su valori differenti.

In effetti, la contingenza che viviamo in questi giorni sembra caratterizzata dal corto circuito tra due “Mali” entrambi ancora una volta secondo alcuni definibili “assoluti”: da una parte l’assalto jihadista dello “stato islamico” che riceve consensi dall’Africa all’Afghanistan; dall’altra quello virale che partendo dall’Africa minaccia ora di dilagare in America e in Europa. Nei prossimi giorni, i due “Mali” si contenderanno le prime pagine dei giornali e domineranno il piccolo schermo turbando i nostri sonni: e qualcuno sta già cercando di stabilire tra loro dei nessi non casuali, fino a coinvolgerli e a identificarli in una sola ipotesi complottistica.

Bisognerebbe invece non abbandonarsi a interpretazioni maniacali né sottovalutare né l’uno né l’altro di questi due “mali” (certo gravi, ma non assoluti), ma al tempo stesso non lasciarci neppure prendere dal pànico. Bisognerebbe mantenere la calma, ma non abbassare la guardia. Probabilmente, com’è accaduto in passato, né l’una minaccia né l’altra si rivelerà davvero letale. Il vero pericolo che incombe sulla nostra società civile, in questo contingente momento, è l’incertezza e il disorientamento. Jihadisti ed ebola catalizzano un groviglio di preoccupazioni che ha le sue origini nella crisi socioeconomica e in quella dei valori culturali che stiamo attraversando. Che sia proprio questa, in ultima analisi, la vera peste?


Franco Cardini 

 
Né indolenza né rassegnazione PDF Stampa E-mail

14 Ottobre 2014

Image

 

Da Appelloalpopolo del 2-10-2014 (N.d.d.)

John Locke (1632 – 1704), primo teorico del regime liberale, sosteneva che il popolo ha il diritto di ribellarsi contro il potere che viola i diritti naturali e osservava anche che gli oppressi tendono a sopportare a lungo senza rivoltarsi e che solo dopo una lunga serie di abusi si scuotono e si ribellano. Non quando ma perché il popolo non si ribella è la domanda che i cittadini più consapevoli si rivolgono in questa congiuntura in cui innumerevoli analisi socio-politico-economiche hanno illustrato a sufficienza i fondamentali meccanismi economici e politici che muovono la Commissione di Bruxelles e l’intero apparato dell’Unione europea. Gli effetti di queste politiche sono evidenti, reali e subìte, ma il popolo non sembra volersi scuotere e le spiegazioni di questa passività, che solitamente si propongono, sono poco convincenti.

Di solito si sente dire che il popolo non avrebbe ancora sperimentato un netto peggioramento delle condizioni di vita e che avrebbe trovato, per ora, un modo per sopravvivere alla crisi senza precipitare nella povertà assoluta. Il popolo si ribellerà quando davvero arriverà la fame; solo quando l’ingiustizia e l’impoverimento diventeranno intollerabili. Tuttavia la miseria non sembra la condizione sufficiente e necessaria per la rivolta, giacché il popolo greco che, anno dopo anno, vede le sue condizioni di vita peggiorare di continuo, non ha fatto autentiche rivolte se non qualche effimera dimostrazione anche violenta ma sterile.

Alcuni spiegano l’inerzia popolare con la corruzione diffusa a tutti i livelli e in tutti i ceti: il popolo è corrotto. Ormai la corruzione e l’illegalità avrebbero infettato anche i ceti subalterni che, a maggioranza, accettano di badare illecitamente agli affari propri e di assistere al miserevole spettacolo offerto dai politici senza ribellarsi perché al posto loro farebbero lo stesso. Il ceto dominante, a sua volta, avrebbe trovato il modo di compromettere stabilmente i ceti popolari nella frode, nel clientelismo e nella trasformazione dei diritti in privilegi privati. La spiegazione sembra parziale e insufficiente perché il disprezzo per i politici è diffusissimo e semmai testimonia del contrario, vale a dire che è falso che in Italia tutti rubano e prevaricano.

Non corrotti dal malcostume, ma disincantati, restii al sacrificio condiviso, chiusi nel piccolo interesse personale, tutti sarebbero diventati individualisti. La gran parte dei cittadini avrebbe introiettato e assimilato l’ideologia neoliberista in misura così pervasiva che ormai ognuno, homo oeconomicus, calcola freddamente i propri interessi materiali e resta indifferente ad altri modi di vivere e di pensare. Dinanzi al progetto dei ceti dominanti apolidi vòlto a distruggere i diritti e i redditi dei ceti subalterni, tutti si scoprono cittadini isolati e inermi che non riescono a reagire. Fa il paio con questa spiegazione l’altra che afferma: sono scomparsi i legami comunitari. L’individualismo e la perdita dei legami comunitari, facce della stessa medaglia, sono comportamenti maturatisi con la diffusione dei falsi miti della “libera” impresa, dell’autorealizzazione, del consumismo, della competizione assoluta come fonte di prosperità. Oggi il popolo avrebbe perso i legami comunitari che in passato cementavano le lotte sociali. Ma è anche vero che spesso era l’opposizione sociale a formare i legami, non determinati a priori, ma sulla base di drammi condivisi e di nemici comunemente individuati.

Altra brutale spiegazione è che il popolo è stupido e ignorante perché non sarebbe cosciente della minaccia che un’oligarchia mai eletta ha sferrato contro i suoi diritti e, per giunta, non comprenderebbe argomenti troppo difficili come le dinamiche socio-economiche. Questa spiegazione presuppone che per ribellarsi la gran parte della popolazione debba essere esperta di politica, o di economia o di diritto. In ogni caso, questa presunta “stupidità” più che spiegare girerebbe in tondo tautologicamente in questi termini: il popolo è stupido perché non si ribella, il popolo non si ribella perché è stupido. Non meno crudele di questa interpretazione è quella di natura demografica, sostenuta da chi non crede a una rivoluzione perché la popolazione europea, e in particolare quella italiana, è troppo vecchia per ribellarsi. A far scoppiare le rivolte sarebbero da sempre i giovani in fascia d’età tra i 20 e i 35 anni, oltre la quale l’età media della maggioranza dei cittadini piegherebbe alla rassegnazione. La tesi sembra poter riguardare i paesi extraeuropei che registrano un’alta disoccupazione giovanile, una miseria diffusa e una società violenta. La sua premessa logica è che la ribellione si debba manifestare soltanto con cortei, manifestazioni, marce, adunate, dimostrazioni, scioperi, scontri anche violenti, non consigliabili ai vecchi.

“Manca un ceto dirigente” è l’altra spiegazione della riluttanza popolare a ribellarsi. I ceti subalterni, specialmente dopo il salto degli ex comunisti dall’altra parte della staccionata, sarebbero rimasti privi di un vero gruppo dirigente pronto e capace di guidarli in una lotta dura e intransigente. Del resto, non c’è ancora un partito politico organizzato intorno a un programma di fuoruscita dell’euro e di sovvertimento dell’Unione europea, che dica al popolo con chiarezza e compiuta verità che bande di felloni ci stanno portando via sovranità, democrazia e benessere e che dentro il sistema economico liberista non c’è futuro. Ma non sempre, nei grandi mutamenti storici, c’è un gruppo dirigente già formato; in molti casi esso matura nel progredire della lotta, sempreché l’incendio divampi.

Forse una ragione più convincente sta nel generale effetto sedativo mediatico, totale e incontrastato che, da almeno vent’anni, avvelena la nostra comunità nazionale. Per controllare e modificare le menti i poteri forti sfruttano l’appetito pressoché insaziabile di distrazioni, tramite l’industria mediatica. I mass-media possono, abilmente manovrati, indurre apatia sociale con un bombardamento d’informazioni mischiate all’intrattenimento; sono infatti diventati strumenti di “infosvago”, che diffondono l’informazione per divertire e il divertimento per disinformare e indottrinare. Una società fissata e parossisticamente contratta soltanto su suoni e immagini ossessivamente scanditi perde la dimensione e la concezione del dialogo e si consegna all’impero dell’ipnosi collettiva eterodiretta. La televisione è la moderna catena mentale a cui sono legati gli schiavi tratti al “Mercato”, distratti dalla contingenza sociale e politica, resi deliberatamente apatici e disabituati a pensare. La sua funzione politica consiste nell’ottundere la capacità di giudizio e di reazione, livellare gusti e idee in modo da rendere le persone indifferenti alle notizie vere che, trasmesse per flusso ininterrotto e annegate in un mare di notizie finte, di fatto sono sottratte alla riflessione. Questa forma di raffinata censura è l’ultimo anello della catena manipolativa. Milioni di Italiani, vittime di questo apparato di disinformazione, subiscono un indottrinamento antropologico e culturale che li ha convinti di aver vissuto sopra i propri mezzi, di non potersi permettere lo stato sociale, di aver portato troppo in alto la spesa pubblica e di dover liberalizzare ancora il mercato del lavoro. Soltanto una minoranza esigua di cittadini, in perenne ricerca della corretta informazione, percepisce l’avanzata inarrestabile del progetto di impoverimento nel nostro Paese attuato dai partiti euroallineati e dalle banche. Costoro dispongono di mezzi finanziari e tecnologici praticamente illimitati, controllano strettamente la propaganda dei media che, insistendo con ostinazione sui vizi nazionali (corruzione, evasione fiscale, …), instillano sensi di colpa e complessi di inferiorità e spingono gran parte degli Italiani a odiare e disprezzare il proprio paese. Quanto più ci si abbandona a una spregevole geremiade sui vizi nazionali e ci si crogiola in essa, tanto meno si trova la forza morale di ribellarsi per recuperare la Costituzione, ricostruire la Repubblica e far risorgere la Patria. Insomma l’opinione pubblica, soggiogata dalla propaganda e incapace di distinguere il bene dal male, non coglie quello che sta accadendo. “Finché non diverranno coscienti della loro forza, non si ribelleranno e, finché non si ribelleranno, non diverranno coscienti della loro forza.”(G. Orwell, “1984”). Non solo odio e disprezzo alimentati contro se stessi, ma paure e false speranze sono i sentimenti tra i quali il popolo oscilla frastornato. La paura del salto nel buio, delle conseguenze artatamente drammatizzate di un ritorno alla lira e di un’uscita dall’UE, del domani più drammatico del presente, si alterna con la speranza che arrivi un liberatore, che le cose cambino da sole; che lo straniero cattivo rinsavisca; che “io speriamo che me la cavo”, che la crisi finirà sicuramente entro “quest’anno”, riferito a tutti gli anni dal 2008 a oggi.

Immiserito, corrotto, ignorante, stupido, invecchiato, plagiato e manipolato, davvero vulgus decipi vult? Ma c’è ancora un’ipotesi a spiegazione dell’inerzia popolare: la disumanizzazione e l’impersonalità del potere. Il popolo non sa contro di chi reagire, non vede il nemico. In chi s’incarna il potere? Dove è insediato? Dove è la sua Bastiglia? Il suo Palazzo d’inverno? Carl Schmitt (1888 -1985), filosofo del diritto, sosteneva che l’aspetto più inquietante del potere è la sua disumanizzazione (Dialogo sul potere). Il suddito, fino a che vede il despota, mantiene l’esatta percezione del male, può figurarselo e sa che, eliminando quel male, può riavere la libertà. Ma quando il potere è impersonale, anonimo, diffuso, insediato da nessuna parte, il cittadino si smarrisce e vive il potere come automatismo. L’Unione europea è giunta progressivamente a espropriare totalmente il potere ai cittadini a vantaggio di funzioni e centri direzionali lontanissimi dall’agorà, dall’assemblea, dai parlamenti, dal demos.

Infine, può giovare l’accenno anche alla tesi definibile come ideologico-messianica: saremmo ormai incapaci di concepire la società alternativa. Anche i ceti popolari si sarebbero rassegnati a vedere il capitalismo come l’unica realtà possibile, contro la quale non ha senso ribellarsi e all’interno della quale la distruzione dei diritti e dei redditi appare loro come una catastrofe naturale. È una spiegazione che forse riesce a convincere l’ideologo, ma non il cittadino comune che, quando decide di sollevarsi, non ha in mente nessuna società paradisiaca collocata nel futuro. In passato il popolo è insorto infinite volte, in Europa e altrove, senza coltivare alcuna idea di società alternativa, ma anzi chiedendo a volte il ripristino dei vecchi rapporti sociali, la tutela da false innovazioni o dall’arrivo di nuovi padroni. Insomma, la rivolta può nascere anche senza essere ispirata da un’ideale società futura, perché non questa manca al popolo, ma la prospettiva immediata, praticabile, credibile, giusta, che nella situazione attuale, è la fuoruscita dalla Unione europea e dall’euro, imperniata intorno al recupero delle sovranità nazionali. Non sono ancora molti a prospettare questa riconquista, per la quale bisogna studiare, prepararsi, riaggregarsi, riflettere, trovare soluzioni e candidarsi alla guida di se stessi come Popolo, in breve far nascere il nuovo Principe.

Luciano Del Vecchio 

 
Meteo mercificato PDF Stampa E-mail

13 Ottobre 2014

Image 

 

 L' ultimissima tragedia alluvionale di Genova ha fatto esplodere, come da copione, una dura polemica in Rete tra gli esperti meteo delle varie agenzie ufficiali (ARPA, Regioni, Aeronautica, etc) e i loro colleghi dei siti meteo privati, che spopolano nel cyberspazio.

Primi e secondi si arrogano il diritto di lanciare le allerte meteo, che in teoria spetterebbero ai primi, e puntano il dito su chi dovrebbe far eseguire tali allerte alla macchina della Protezione Civile.

La verità è che oggi, nell' era della "reificazione ", sintomo del "capitalismo assoluto", anche una scienza fondamentale come il meteo è ormai mercificata a fini di lucro e fatalmente è scaduta di contenuti, di forme e di credibilità.

Tra introiti pubblicitari, applicazioni per smartphone e vendite di bollettini meteo, i siti specializzati hanno un giro di affari milionario: basti andare su un sito a casaccio e vedere tutti i banner pubblicitari per rendersene conto.

Per alimentare il mercato, si deve ovviamente incentivare il consumatore del tempo atmosferico a cliccare sul sito: da qui le iperboli, le esagerazioni, le previsioni a venti giorni di distanza che vengono sempre stravolte ogni ora, ogni cosa fa brodo per attirare utenze e incrementare gli introiti pubblicitari.

Anche dividere, nei commenti degli articoli meteo, i visitatori in "caldofili vs freddofili", con tanto di attacchi, insulti gratuiti, tifo da stadio tra le due opposte fazioni: solo questo fa capire che la scienza degli elementi è ormai ad uno stadio terminale, ridotta a Circo Barnum, a meteorine, ad annunci di Armageddon in ogni istante.

Oltre a queste tare, la scienza meteo moderna si basa su un pensiero meccanicista, cartesiano, che nulla ha a che fare con il tempo atmosferico, il quale è entropico, è il Caos più assoluto e raramente si inquadra nelle gabbie mentali schematiche umane.

Anticicloni, basse pressioni, linee di convergenza tropicali, monsoni, temperature delle acque di superficie oceaniche, sono le conseguenze di determinate leggi scientifiche, è vero, ma nessuna legge naturale permette che debbano muoversi in un determinato modo sulla scacchiera globale,come se fossero ingranaggi di un motore prodotto dall' uomo.

Questo pensiero cartesiano, che riduce l' atmosfera ad una "macchina", ha fatto sì che gli "esperti" ora si basino eccessivamente sui "modelli matematici", costruiti da complicatissimi algoritmi elaborati al computer per prevedere il tempo: tutto viene triturato a indici, a sigle, ad una mole di dati, di elaborazioni, di congetture.

E il paradosso è che tali modelli, che contengono a loro volta un pizzico di Teoria del Caos, non fanno altro che sfornare emissioni a medio-lungo termine che dicono tutto ed il contrario di tutto.

Dove è finito il senso della misura, il senso della osservazione quotidiana, il vecchio fiuto dell' esperto meteo come un Bernacca od un Baroni?

A questo punto il vecchio contadino o marinaio che fiuta il tempo o lo stregone tribale che recita la "danza della pioggia " hanno, da un punto di vista scientifico, la stessa validità dei soloni meteo moderni.

Abbiamo sputtanato e ridotto a merce anche una scienza fondamentale come il meteo, essenziale per un organismo come quello umano che vive nella biosfera e dipende dagli elementi, dalla pioggia, dal sole, dal giudizio delle stagioni.

Ormai la meteorologia non è più credibile e non saremo noi di certo a condannare un sindaco perplesso o meno su una allerta.

Ridotti così dobbiamo solo fare una cosa: riprenderci il nostro caro istinto, che mai falla e sapere da noi stessi quando si deve stare sul chi va là.

Simone Torresani

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 1 - 16 di 978