Avviso Registrazioni

Scusandoci per l'inconveniente, informiamo i nuovi utenti i quali desiderino commentare gli articoli che la registrazione deve essere fatta tramite Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

Login Form






Password dimenticata?
Nessun account? Registrati

Cerca


 
  SiteGround web hostingCredits
Demonocrazia PDF Stampa E-mail

16 febbraio 2010

Image

Il titolo di questo articolo -che è anche quello del mio ultimo saggio uscito per la Solfanelli- gioca sulla crasi di Demone e Democrazia, suggerendo che attualmente tale forma di governo, per le odierne devianze e per proprie tare costituzionali, è espressione del male al potere.
Occorre fare una riflessione politico-sociologica sul penoso stato in cui versa oggi il soggetto, preso nelle maglie di una rete invisibile che lo mantiene lontano dalle sue radici, dalla sua naturale collocazione fisica, psicologica e culturale. Pochissimi percepiscono le cause socio-politiche del disagio che li opprime, eppure tutti ne sono colpiti. L’aumento vertiginoso dei disturbi psichici, ansia e depressione tra tutti, e dell’ uso di droghe, è il segno di questa forzatura innaturale di cui siamo vittime. C’è un responsabile per questo nostro malessere e il suo strumento è l’attuale democrazia, sistema di governo che oggi è pressoché tabù criticare.
Democrazia e libertà non sono sinonimi, anzi, spesso divengono termini antitetici. Oggi il sistema democratico fa da paravento ad un totalitarismo dal quale è quasi impossibile difendersi. Nelle odierne democrazie il cittadino è una bestia all'ingrasso, per il tornaconto di una ristretta élite finanziaria che si avvale di politici compiacenti. Questo nuovo stato di schiavitù si basa subdolamente sull'inganno e la mancanza di informazione. Gli scenari orwelliani di “ 1984” o quelli del film “Quinto potere” di Sidney Lumet, del 1976, sono addirittura superati dalla realtà. Chi è cosciente dell’inganno democratico è tagliato fuori dai luoghi della grande comunicazione, chi non accetta le regole della menzogna è imprigionato e reso inoffensivo, letteralmente o nei fatti.
Occorre quindi Disinformare d’urgenza, rendere gli individui capaci di ripensare se stessi, operare una sorta di terapia d’urto, per poi cominciare con una riabilitazione filosofica.
Dalle pagine di questo sito ho più volte cercato di sollevare questioni cruciali in tal senso, sottolineando alcuni temi come l’inganno del voto e la natura dei partiti, i meccanismi dell’impegno pubblico e le strategie di condizionamento attraverso i media, la tirannide della finta tolleranza, il senso dell’esportazione della democrazia e, non da ultimi, quelli del signoraggio bancario e del revisionismo olocaustico. Purtroppo, eccetto i pochi “disinformati informatici”, questi sono temi che rimangono ignoti alla maggioranza. Sono come strade fantasma, che non possono essere percorse, che non vengono mostrate, come se noi tutti fossimo automobili con un navigatore satellitare programmato per farci girare in tondo e alla fine condurci come pecore all’ovile.
Si tratta delle mille facce della globalizzazione che ormai ci ha cambiato la vita, modificando dal più piccolo dei nostri atti privati fino alle grandi e pianificate scelte di politica internazionale, la quale è una maschera della macroeconomia. I nostri politici ma anche quelli degli altri, con Obama il rivoluzionario in testa che si è affrettato ad aumentare le truppe in Afghanistan, sono ridicoli burattini.
Oggi, l’unica azione possibile, parte dalla nostra visione antimodernista per culminare in una “proposta per una sopravvivenza”, un cammino che a mio parere è prima individuale e solo dopo collettivo. Tale soluzione prende le mosse da Junger e Unamuno e dalla loro idea di “ribelle” e di “uomo cardiaco” per arrivare ad una sintesi e ad una nuova declinazione. Basta con la finzione della contrapposizione Destra- Sinistra, che è funzionale al mantenimento dell’elite al potere. Basta con la credulità sull’efficacia del voto. Basta alle menzogne che nascondono, sotto l'edulcorata “esportazione della democrazia”, una più schifosa “esportazione del consumismo”.

Matteo Simonetti

 
La libertà del pensiero unico PDF Stampa E-mail

11 febbraio 2010

Image

L'epoca moderna è l'epoca della libertà. Tale principio è stato enfaticamente espresso dall'Illuminismo e dai rivoluzionari francesi, e più recentemente ancora ripreso dalla Dichiarazione Universale dei diritti dell'uomo dopo la Seconda Guerra Mondiale. La libertà informa ogni aspetto della nostra vita: dalla libertà di azione e di movimento alla libertà di pensiero, di espressione e di associazione, siamo obiettivamente partecipi di una molteplicità di possibilità e di scelte che in passato non potevano neppure immaginare. Questo è un dato oggettivo incontestabile, uno dei pilastri su cui i sostenitori della modernità fondano la loro difesa contro i suoi detrattori. Tuttavia vi è nell'uomo moderno un disagio e un'inquietudine che con tale libertà non si accordano bene: se fosse questa davvero l'era della libertà finalmente conquistata -o meglio, delle libertà come si dice talvolta- ben altra dovrebbe essere la soddisfazione dell'uomo contemporaneo. In effetti la sensazione che si respira nella vita di oggi è quella di una schiavitù sottile, impercettibile, impalpabile, che non risparmia neppure gli uomini più inseriti nel meccanismo, ma che non si riesce bene a identificare.
Quando si sostiene che nella modernità da una parte c'è una libertà diffusa di azione e di pensiero, ma dall'altra è in atto un processo di omologazione planetario e di appiattimento delle coscienze, sembra di stare di fronte ad una contraddizione. Ma non è così, perchè libertà e omologazione sono entrambi espressione di quel fenomeno tipicamente moderno chiamato totalitarismo. Per comprendere ciò, è utile capire la differenza tra pensiero dominante e pensiero unico, laddove il primo è caratteristico delle realtà tradizionali, il secondo dell'epoca moderna.
In ogni società tradizionale c'è sempre stata una forma di pensiero con la quale tutte le altre forme si dovevano confrontare e sulla quale si misuravano. Ciò significava che ogni altra visione delle cose e del mondo doveva evitare di porsi esplicitamente in contrasto con tale pensiero dominante. Di fatto, la diversità di pensiero veniva accettata come naturale. Non vi era la volontà di cancellare tali diversità. C'era solo la preoccupazione che una naturale pluralità di vedute non si trasformasse in un caos o che non minasse l'ordine costituito e l'autorità politica. In fondo, tale impianto era il medesimo della struttura feudale della società.
Caratteristico della modernità invece è il pensiero unico, ossia un controllo complessivo dell'individuo e della società finalizzato all'eliminazione di ogni forma di diversità, controllo portato dall'esterno nei regimi dittatoriali (comunismo, fascismo, nazismo) ma meglio ancora dall'interno attraverso la manipolazione delle menti come accade nella liberal-democrazia in cui viviamo. Quest'ultima forma di controllo è davvero "all'avanguardia" rispetto a quella caratteristica delle vecchie dittature del Novecento: la liberal-democrazia infatti agisce direttamente sul pensiero e sui desideri inconsci dell'uomo e non sull'azione esterna, e quindi è molto più pervasiva ed efficace, perchè non elimina le dissidenze con la repressione, ma fa in modo che sia l'individuo stesso a richiedere di conformarsi "naturalmente" e "liberamente" ad un modello unico -esclusivamente materiale- che viene presentato come sommamente attraente e vantaggioso per tutti. Chi rifiuta questo modello perchè ne percepisce la perversità, è tagliato fuori, è un emarginato, un paria. Può in teoria pensare quello che vuole e propagandare ogni alternativa di pensero, ma di fatto è lui stesso che spesso richiede di adeguarsi al modello unico, se non ha la forza di affrontare la solitudine e l'incomprensione che inevitabilmente lo accompagnerebbero fuori da detto modello.
Il pensiero unico delle società liberal-democratiche risiede quindi proprio nel modo di pensare privato, prima ancora che nella sua espressione pubblica: se non si è convinti dentro di sè della verità del pensiero unico, si è emarginati. Non si può fingere con se stessi: bisogna autoconvincersi ogni giorno di stare vivendo nel migliore dei mondi possibili per riuscire a rimanere a galla! E se restano delle diversità nella cosiddetta "società aperta", come la definiva Popper, è solo perchè esse sono finte libertà e false scelte: sono piatti già preconfezionati dal meccanismo sociale, pluralità che non intaccano le sue fondamenta perverse.
Omologazione e libertà moderna -che parrebbero in contraddizione- sono quindi aspetti speculari di un unico totalitarismo. E' stato infatti proprio il totalitarismo di matrice economicista a ridurre la libertà esclusivamente al suo aspetto materiale, a farla diventare pura azione individuale. E' stato proprio togliendo senso alla libertà stessa, che essa ha potuto esprimersi svuotata in ogni campo come mai aveva fatto nella storia, mentre l'economia dettava ovunque la legge materiale del denaro e del possesso di beni. Se la libertà avesse ancora un valore reale, essa come tutte le cose sarebbe limitata. Avrebbe un inizio e una fine. Avrebbe un ambito, dei riferimenti e persino delle censure. Essendo privata di senso, si può dire tutto perchè tutto non ha e non abbia più valore. Si può fare tutto, si può andare ovunque e si abolisce ogni limite perchè si annulla il valore delle cose, dato che solo il confine dà un valore alle cose del mondo.
Tale falsa libertà è in realtà una dissoluzione, una inorganicità che mira alla creazione di un amorfo universale e si esprime abbattendo ogni regola, ogni riferimento, ogni misura, lasciando solo la libertà del vuoto e del nulla.

Massimiliano Viviani

 
Berlusconi complice di Israele? Noi stiamo con l'Iran PDF Stampa E-mail

9 febbraio 2010

Il Presidente del Consiglio Berlusconi, con un discorso in ginocchio al parlamento di Tel Aviv, giudica giusto il massacro di 1.500 civili palestinesi di un anno fa, quando gli Israeliani arrivarono a impiegare persino le armichi chimiche (fosforo bianco) contro la popolazione inerme. L'Occidente a guida Usa riprende ad agitare lo spauracchio iraniano, accusando il paese degli ayatollah di perseguire un programma nucleare con l'intento di aggredire Israele, quando invece finora dalle ispezioni diligentemente accettate dall'iran non è emersa alcuna prova che l'uranio impoverito in mano ai ricercatori di Ahmadinejad sia stato prodotto al di fuori dei fini civili dichiarati, diritto sacrosanto di uno Stato sovrano. Israele, invece, rifiuta di creare una commissione d'inchiesta che indaghi sulle atrocità commesse durante l'operazione "Piombo fuso" contro la striscia di Gaza. Come sempre, la loro memoria e sete di giustizia è ferma all'Olocausto. 

Comunicato ufficiale di Movimento Zero

 
La sinistra “aristocratica” e il Cavaliere del popolo PDF Stampa E-mail

di Stefano Di Ludovico

5 febbraio 2010

Image

L’opposizione a Berlusconi assume in Italia, come sappiamo, forme per molti versi ossessive ed esasperate, che, del resto, fanno da contraltare al vero e proprio culto della personalità appannaggio di molti dei suoi sostenitori, tanto che la vita politica italiana si è ridotta ormai da diverso tempo a null’altro che ad un parossistico odio/amore per tale personaggio.
Solitamente l’opposizione tende a giustificare i suoi toni esasperati evidenziando i caratteri personalistici, autoritari, addirittura “fascisti” del governo Berlusconi, testimoniati da fenomeni quali il conflitto di interessi, le leggi ad personam, il continuo attacco alle altre istituzioni dello Stato; in genere, quindi, il carattere “antidemocratico” di tale governo, che così rappresenterebbe una rottura rispetto alla consolidata tradizione democratica del nostro paese. In realtà, ad uno sguardo più attento, che sappia andare al di là di simili formali e spesso retorici richiami al rispetto delle istituzioni democratico-parlamentari, molte di queste critiche nascondono istanze e tendenze espressione di sensibilità e mentalità la cui coerenza con un sentire veramente democratico appare per molti aspetti dubbia.
Le suddette critiche, infatti, sono spesso indice di un’insofferenza, quasi istintiva, viscerale, più che verso la politica di Berlusconi, verso la sua persona, di una vera e propria avversione nei confronti dell’uomo e della sua storia personale. Cos’è che non si sopporta di lui? Qualcosa che sembra per molti versi agli antipodi dell’autoritarismo e dell’elitismo che gli si rinfacciano sul piano strettamente politico, e che ha a che fare piuttosto con le sue oscure origini, con il suo essere un uomo venuto dal nulla, il classico self-made man, che, come tutti gli “arricchiti”, anche una volta giunto ai vertici del pantheon economico e poi politico, ha mantenuto quel suo carattere sanguigno, insolente, guascone; le cui abitudini di vita, i cui gusti e desideri in nulla si distinguono da quelli dell’uomo della strada, del cosiddetto italiano medio per non dire mediocre. Quel che non si tollera, insomma, è il suo essere totalmente privo di quella compostezza, quella misura, quella distinzione ed elevatezza d’animo che dovrebbero addirsi all’uomo di stato, all’uomo delle istituzioni, in genere all’uomo che ha raggiunto determinate posizioni nella società. Del resto è lo stesso Berlusconi a non aver mai fatto mistero di essere e voler continuare ad essere appunto un figlio del popolo; anzi, il suo clamoroso successo, anche e soprattutto in politica, è stato costruito proprio su ciò: “il popolo mi vuole perché sono uno di loro” – ama ripetere il Cavaliere, e più l’opposizione evidenzia tali aspetti della sua personalità e della sua vita anche privata – vedi il recente scandalo delle escort e degli allegri festini nelle sue ville - più il consenso popolare nei suoi confronti sembra aumentare, proprio perché, dopo tutto e come lui stesso ci tiene a rimarcare, lui non fa altro che fare “quello che tutti fanno o vorrebbero fare”.

Leggi tutto...
 
Azione! PDF Stampa E-mail

1 febbraio 2010

Image

Sono entrato a far parte di Movimento Zero fin dalla sua nascita nell’ormai lontano 2005, dopo che Massimo Fini decise di trasferire l’entusiasmo e la richiesta di azione trasmessa da molti spettatori del suo spettacolo teatrale in un’associazione politico-culturale. In questi cinque anni ho visto tante persone avvicinarsi al Movimento quasi sempre per passione, spesso per curiosità, raramente per interessi personali. Ho conosciuto molti individui straordinari di ogni età ed estrazione sociale, ragazzi desiderosi di “far qualcosa” e uomini non ancora annichiliti da decenni di delusioni politiche. Ho visto anche tanti fuochi di paglia, persone partite con propositi baldanzosi e scomparse senza ragioni e a volte addirittura senza neppure una riga di spiegazioni o di saluto. Non sono mancati coloro che pensavano di sfruttare la notorietà di Fini per far passare idee che non erano riusciti a veicolare sotto altre etichette o alcuni che pensavano che il Movimento dovesse essere una proiezione esclusiva delle loro idee e persino del loro carattere.
Forse i tempi sarebbero maturi per un primo bilancio, ma bisogna prima intendersi su quali parametri di riferimento debba essere impostato. Non abbiamo occupato il Palazzo d’inverno, non abbiamo portato le nostre idee nel telegiornale della sera, non siamo diventati un fenomeno da prima pagina e neppure da ultima dei quotidiani nazionali.
Qualcosa per la verità abbiamo fatto: un sito ed un giornale blog del quale credo dobbiamo essere orgogliosi, alcune apparizioni a manifestazioni che hanno destato un certo scalpore (come il nostro striscione “Noi stiamo con i Talebani” a Roma nella manifestazione anti Bush del 2006) e alcune iniziative nazionali (oltre a diverse altre a livello locale) di nostra esclusiva che hanno raccolto un discreto numero di adesioni (la campagna Zero Voto per l’astensione alle elezioni politiche e la raccolta di firme contro la dittatura bancaria e tecnofinanziaria). Alcuni di noi, con in testa lo stesso Massimo Fini, hanno dato vita al periodico La Voce del ribelle, iniziativa quanto mai coraggiosa ed opportuna nell’asfittico panorama dell’informazione italiana.
Potevamo fare di più? Sicuramente. Ma venga a dircelo chi lo ha fatto. Sono sinceramente stanco di inviti all’azione o addirittura di rimproveri per l’inerzia da parte di chi non ha mai fatto nulla di più trastullarsi su una tastiera del computer. Se dobbiamo fare un bilancio, facciamolo anche personale. Mi duole citare Kennedy, ma chiediamoci anche che cosa possiamo fare noi per il Movimento e non sempre e solo cosa può fare il Movimento per noi. Oggi ripartono le iscrizioni a Movimento Zero, con il proposito di tradurre in azione un impegno che fino ad oggi è stato prevalentemente di carattere culturale. Quale “azione” non sta a me dirlo e deciderlo. Sta a voi che siete stanchi di questo mondo, a voi che vi svegliate la mattina disgustati e andate a dormire incazzati, a voi che non sopportate più le solite facce, le solite litanie, le solite minestre riscaldate da 50 anni. A voi che capite che c’è qualcosa sotto la cortina di idiozie dalla quale siamo circondati e che va riportato alla luce.
Non vogliamo semplicemente i soldi della quota di iscrizione, i buoni propositi e le idee brillanti. Vogliamo persone che hanno deciso di tradurre tutto questo in gesti concreti, in disponibilità ad agire, in impegno a conseguire un risultato. Vogliamo Ribelli, certo. Ma li vogliamo anche alla propria mentalità di affidarsi ad altri per arrivare dove vogliono. Noi non siamo in grado né vogliamo garantire nulla: forse sarà tutto uno sforzo inutile. Forse domani dovremo tracciare un bilancio negativo dei risultati conseguito da Movimento Zero. Ma, lo ripeto, dipende da quali sono i parametri utilizzati per giudicare cosa è un fallimento e cosa non lo è. E qui per fortuna non devo citare Kennedy ma De Benoist, richiamandovi alla frase che campeggia anche nel nostro sito: “Non sempre i ribelli possono cambiare il mondo, ma mai il mondo potrà cambiare i ribelli”. Forse svegliarsi pensando a come cambiarlo e andare a dormire consapevoli di aver fatto tutto il possibile in questo senso potrebbe già essere un risultato straordinario.
Un’ ultima cosa: quando, al termine di questa campagna di iscrizione, ci conteremo, sappiamo già che non ritroveremo al nostro fianco Marco De Marco. A nome del Movimento e, consentitemi, anche a titolo personale, un ringraziamento a lui per quanto fatto per MZ e l’augurio delle migliori fortune per la sua battaglia politica.

Andrea Marcon

 
La giornata dell'oblìo PDF Stampa E-mail

29 gennaio 2010

Image

Ci risiamo. Anche quest’anno il countdown è arrivato alla fatidica data del 27 Gennaio, che da qualche anno è “giornata della memoria”: nel 1945 si aprono i cancelli di Auschwitz e si rivela al mondo una pagina infame della storia recente. Annientati sistematicamente milioni di ebrei, con un’efficienza “scientifica” che non esitiamo a definire figlia della modernità e del Novecento. Niente da dire in proposito, lungi da noi ogni assurdo “negazionismo”.
Solo che, come al solito, e non per un qualche nostro “ruolo” di bastian contrari o di “ribelli” ad ogni costo, ci teniamo a prendere le distanze. A prendere le distanze innanzitutto dall’osceno teatrino istituzionale-mediatico che in questi giorni sta funestando i pomeriggi degli amanti di Barbara D’urso, di Cocuzza, e dei loro epigoni. Poveretti: tra un grande fratello e un Briatore, tra un PierSilvio e uno stacchetto di veline, costoro vengono presi in contropiede laddove si chiami in causa la storia, che, piaccia o no, richiede sempre una certa capacità di discernimento, di comprensione, e soprattutto di cultura. Giacché al mondo non c’è davvero nulla di peggio dell’ignoranza. Da qualsiasi parte venga. Che sia quella di un negazionista, o che sia quella apparentemente meno pericolosa e più “inoffensiva” del televisivizzato di turno, crasso di luoghi comuni e di decenni di subdola propaganda atlantista.
A parte l'infimo livello del “dibattito” in merito all’evento storico, la più subdola disinformazione e unilateralità le ha raggiunte il Tg1 dell’ormai tristemente famoso Minzolini. Cosi nell'edizione di ieri esso non ha solo definito “farneticanti” le dichiarazioni, legittime e puntualmente documentate, di Ahmadinejad -il cui governo regolarmente eletto è stato chiamato non "governo" appunto, ma “regime”- che ha ribadito come l’ingerenza occidentale sia pericolosa per l’Iran, ma ha anche avuto l’impudenza di tacciare di "antisemitismo" chiunque contesti non solo la politica, ma la stessa esistenza dello stato di Israele. Cosa da cui si può anche prendere le distanze, ma che non è lecito definire "antisemitismo". E il fatto che chiunque dissenta non solo dal coretto comune, ma anche dalla totalitaria visione del mondo sionista, debba essere zittito e passato come “nemico dell’umanità”, è cosa che dovrebbe far riflettere. E questo “ricatto” morale, per cui chiunque osteggi Israele e la sua visione imperialista del mondo deve per forza essere anche uno spregiatore della razza e delle persone (perchè tale è la sostanza del termine "antisemita") sa ben poco di tolleranza, ed è soprattutto un’evidente “alibi” per un'impunità permanente.
Che uno Stato talmente totalitario da avere avuto in passato l’ardire di proclamarsi prescelto da Dio, che ha permesso l'esercizio dell’usura da applicare indiscriminatamente senza fisime morali, possa ergersi a vittima perenne, a cui tutto è concesso e a cui tutto deve essere perdonato, è quantomeno divertente. Non ci pare che altri popoli, che hanno avuto eguali (ma meno pubblicizzate) sventure, godano della stessa adesione e dello stesso sostegno da parte di governi ed opinioni pubbliche. Non di certo i giapponesi, che per il solo fatto di non arrendersi indegnamente come fecero gli italiani, ma finendo una guerra senza disonore, come il “bushido” prevedeva, vennero annichiliti con due bombe atomiche, a guerra praticamente già conclusa, per dare una dimostrazione di “forza” al nascente nemico sovietico. Non di certo i vietnamiti, aggrediti dagli stessi americani e carbonizzati con il napalm e sottoposti ad un genocidio “lecito”, in quanto “in nome della libertà”. Nemmeno tutti i sudamericani vittime di regimi fomentati dagli stessi liberatori statunitensi, che si dissetano da secoli alla giugulare dell’america latina. Non gli Armeni, cancellati a milioni un secolo fa da coloro che oggi si fregiano dell'etichetta di "Islam moderato" e occidentalizzato, alleati degli Usa e che tale genocidio invece negano senza pudore. Non i Tibetani, torturati e uccisi in massa dalla follia comunista e del cui genocidio, in nome degli affari con il partner cinese, in Occidente è meglio parlare cautamente e sottovoce. Neppure gli stessi popoli nativi del Nord America, sterminati a milioni e rapinati di territori immensi dallo stesso popolo che dinanzi al mondo si vende come paladino delle libertà contro il "male assoluto" e che ha ridotto alcuni degli uomini più fieri del mondo a delle larve umane annegate nell'alcol e nella droga, e ha ridimensionato la loro cultura e saggezza a pagliacciata per turisti.
E neanche i palestinesi. Loro no, a maggior ragione: sono arabi. Quelli sono “Usama” come li definiva sprezzantemente una particolarmente arteriosclerotica Oriana Fallaci, in uno dei suoi ultimi libri: sono terroristi che odiano (chissà perché diciamo noi) l’Occidente. Che la “povera” e “minacciata” Israele, uno Stato sorto arbitrariamente su territorio altrui, stermini ciclicamente, con l’aiuto dei nostri “liberatori” americani e le sovvenzioni delle varie lobbies bancarie e finanziarie, migliaia di palestinesi innocenti, è cosa che probabilmente i nostri “degni” governanti non ricordano o quantomeno fingono di non ricordare. A qualche malevola lingua potrebbe venire la tentazione di insinuare che è a causa delle risorse economiche e dei posti di potere che ricoprono i “leader” di quella stessa lobby mondiale, ma il terrore di venire tacciati di “antisemitismo” dalle anime belle democratiche, egualitarie e sostenitrici dei diritti umani ad oltranza, ci terrorizza un poco.
Sarà probabilmente che, nelle menti e nei cuori del solito popolame-bue, che si emoziona a comando dell’infame scatola che tiranneggia nelle loro case, e che determina quando si deve ridere, quando ci si deve commuovere o esaltare, sterminare migliaia di persone con un missile, o anche con una atomica come fecero i cari yankee non ha la stessa presa che vedere le agghiaccianti certo e mai giustificate immagini dello sterminio ebraico, opportunamente condite con musichette commoventi.
Quindi ben venga la “giornata della memoria”. Ma a patto che non sia solo quella della shoah: insieme ad essa andrebbero anche citate le altre "shoah" che hanno insanguinato il secolo scorso, quelle di tutti gli eccidi gratuiti e senza onore perpetrati nella storia recente, sia da parte di coloro che ora vengono denominati “male assoluto”, sia da parte di coloro che tale etichetta usano come alibi per cancellare delitti altrettanto odiosi che non hanno il privilegio di essere conosciuti e ricordati allo stesso modo.

Fabio Mazza

 
<< Inizio < Prec. 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 Pross. > Fine >>

Risultati 2257 - 2272 di 2751