Avviso Registrazioni

Scusandoci per l'inconveniente, informiamo i nuovi utenti i quali desiderino commentare gli articoli che la registrazione deve essere fatta tramite Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

Login Form






Password dimenticata?
Nessun account? Registrati

Cerca


 
  SiteGround web hostingCredits
La stoccata di De Benedetti PDF Stampa E-mail

23 novembre 2007

Active Image

Aria di scandalo, e lo scandalo non c’è. La Repubblica, organo della tessera n°1 del Partito Democratico, ovvero il finanziere Carlo De Benedetti, “scopre” che in tutti questi anni direttori di testate giornalistiche e dirigenti di Rai e Mediaset si telefonavano per concordare peso e toni delle notizie a tutto vantaggio dell’ex premier Silvio Berlusconi (che, tanto per dire, aveva messo come responsabile marketing strategico Deborah Bergamini, già sua assistente personale). Un sistema Moggi del piccolo schermo.
Caro Ezio Mauro successore del fondatore Scalfari, complimenti: hai scoperto l’acqua calda. E c’è ben poco da indignarsi: da quand’è che i magnati del profitto se ne fregano allegramente dei conflitti d’interessi pur di perseguire i propri, piazzando a destra e a manca persone di propria fiducia? Da sempre, ci risulta.
E complimentoni anche per il garantismo double-face: quando le intercettazioni riguardavano il trio diesse D’Alema-Fassino-La Torre, il quotidiano del Pd reclamava limiti e appoggiava il Ministro della Censura Clemente Mastella, che con una legge (ancora non approvata, per fortuna) vorrebbe vietarne la pubblicazione sui giornali. Oggi invece sono uno scoop, un’inchiesta, uno smascheramento salutare per la democrazia. Se fosse già passata, la legge-bavaglio, i repubblichini di Repubblica non avrebbero potuto scrivere una riga.
Ma dietro lo “scoop” c’è dell’altro. Pare che il padrone De Benedetti voglia conquistarsi un ruolo nel frenetico risiko bancario italiano. Il tripolarismo finanziario (Unicredit-Capitalia, Intesa San Paolo-Imi, Monte Paschi-Antonveneta) lo vede fuori dalla porta. Così Carlo cerca di avvicinarsi al cardinale degli sportelli, il prodiano di ferro Giovanni Bazoli (Intesa). E lo fa lanciando una dolorosa stoccata ai disegni di inciucio di Veltroni, i cui interessi, attualmente, sono oggettivamente convergenti con quelli di Berlusconi e in rotta di collisione con quelli di Prodi (tanto è vero che il Berlusca gli ha proposto un accordo per la legge elettorale e magari per un governo insieme da fare subito, scalzando Romano da Palazzo Chigi). De Benedetti appoggia quest’ultimo contro Veltroni per proprio tornaconto: tutto qui. Così come, appena due anni fa, pareva andare d’amore e d’accordo con Silvio, fino a voler metter su un fondo finanziario in accoppiata.
Le strade della finanza sono infinite. Ma passano sempre per la stampa controllata.

Alessio Mannino

 
Contro la televisione PDF Stampa E-mail

23 novembre 2007

Active Image

Televisione, nuovo Minculpop: principale mezzo per metterlo in quel posto al popolo facendolo distrarre. Televisione, oppio del popolo: mentre sei lì davanti, non vivi. La vita vera è là fuori. Televisione, imbonitrice massima del modello “guarda, compra, consuma (e crepa)”: senza di lei, senza l'onnipresente pubblicità, l’intero sistema produzione-consumo crollerebbe in pochi giorni.
Preparatevi: l’anno prossimo Movimento Zero colpirà mamma tivù. Per conquistare l’indipendenza e la libertà bisogna staccarsi dalla tetta, no?
Abbasso la televisione, abbasso la televisione, abbasso la televisione!

Nessun centralismo fascista è riuscito a fare ciò che ha fatto il centralismo della civiltà dei consumi. Il fascismo proponeva un modello, reazionario e monumentale, che però restava lettera morta. Le varie culture particolari (contadine, sottoproletarie, operaie) continuavano imperturbabili a uniformarsi ai loro antichi modelli: la repressione si limitava ad ottenere la loro adesione a parole. Oggi, al contrario, l’adesione ai modelli imposti dal Centro è totale e incondizionata. I modelli culturali reali sono rinnegati. L’abiura è compiuta. Si può dunque affermare che la «tolleranza» della ideologia edonistica voluta dal nuovo potere, è la peggiore delle repressioni della storia umana.
Come si è potuta esercitare tale repressione? Attraverso due rivoluzioni, interne all’organizzazione borghese: la rivoluzione delle infrastrutture e la rivoluzione del sistema d’informazioni. Le strade, la motorizzazione ecc. hanno ormai strettamente unito la periferia al Centro, abolendo ogni distanza materiale. Ma la rivoluzione del sistema d’informazioni è stata ancora più radicale e decisiva. Per mezzo della televisione, il Centro ha assimilato a sé l’intero paese, che era così storicamente differenziato e ricco di culture originali. Ha cominciato un’opera di omologazione distruttrice di ogni autenticità e concretezza. Ha imposto cioè come dicevo i suoi modelli: che sono i modelli voluti dalla nuova industrializzazione, la quale non si accontenta più di un «uomo che consuma», ma pretende che non siano concepibili altre ideologie che quella del consumo. Un edonismo neolaico, ciecamente dimentico di ogni valore umanistico e ciecamente estraneo alle scienze umane.  L’antecedente ideologia voluta e imposta dal potere era, come si sa, la religione: e il cattolicesimo, infatti, era formalmente l’unico fenomeno culturale che «omologava» gli italiani. Ora esso è diventato concorrente di quel nuovo fenomeno culturale «omologatore» che è l’edonismo di massa: e, come concorrente, il nuovo potere già da qualche anno ha cominciato a liquidarlo.  Non c’è infatti niente di religioso nel modello del Giovane Uomo e della Giovane Donna proposti e imposti dalla televisione. Essi sono due Persone che avvalorano la vita solo attraverso i suoi Beni di consumo (e, s’intende, vanno ancora a messa la domenica: in macchina). Gli italiani hanno accettato con entusiasmo questo nuovo modello che la televisione impone loro secondo le norme della Produzione creatrice di benessere (o, meglio, di salvezza dalla miseria). Lo hanno accettato: ma sono davvero in grado di realizzarlo?  No. O lo realizzano materialmente solo in parte, diventandone la caricatura, o non riescono a realizzarlo che in misura così minima da diventarne vittime. Frustrazione o addirittura ansia nevrotica sono ormai stati d’animo collettivi. Per esempio, i sottoproletari, fino a pochi anni fa, rispettavano la cultura e non si vergognavano della propria ignoranza. Anzi, erano fieri del proprio modello popolare di analfabeti in possesso però del mistero della realtà. Guardavano con un certo disprezzo spavaldo i «figli di papà», i piccoli borghesi, da cui si dissociavano, anche quando erano costretti a servirli. Adesso, al contrario, essi cominciano a vergognarsi della propria ignoranza: hanno abiurato dal proprio modello culturale (i giovanissimi non lo ricordano neanche più, l’hanno completamente perduto), e il nuovo modello che cercano di imitare non prevede l’analfabetismo e la rozzezza. I ragazzi sottoproletari umiliati cancellano nella loro carta d’identità il termine del loro mestiere, per sostituirlo con la qualifica di «studente». Naturalmente, da quando hanno cominciato a vergognarsi della loro ignoranza, hanno cominciato anche a disprezzare la cultura (caratteristica piccolo borghese, che essi hanno sùbito acquisito per mimesi). Nel tempo stesso, il ragazzo piccolo borghese, nell’adeguarsi al modello «televisivo» che, essendo la sua stessa classe a creare e a volere, gli è sostanzialmente naturale diviene stranamente rozzo e infelice. Se i sottoproletari si sono imborghesiti, i borghesi si sono sottoproletarizzati. La cultura che essi producono, essendo di carattere tecnologico e strettamente pragmatico, impedisce al vecchio «uomo» che è ancora in loro di svilupparsi. Da ciò deriva in essi una specie di rattrappimento delle facoltà intellettuali e morali.  La responsabilità della televisione, in tutto questo, è enorme. Non certo in quanto «mezzo tecnico», ma in quanto strumento del potere e potere essa stessa. Essa non è soltanto un luogo attraverso cui passano i messaggi, ma è un centro elaboratore di messaggi. E il luogo dove si fa concreta una mentalità che altrimenti non si saprebbe dove collo-care. E attraverso lo spirito della televisione che si manifesta in concreto lo spirito del nuovo potere.  Non c’è dubbio (lo si vede dai risultati) che la televisione sia autoritaria e repressiva come mai nessun mezzo di informazione al mondo. Il giornale fascista e le scritte sui cascinali di slogans mussoliniani fanno ridere: come (con dolore) l’aratro rispetto a un trattore. Il fascismo, voglio ripeterlo, non è stato sostanzialmente in grado nemmeno di scalfire l’anima del popolo italiano: il nuovo fascismo, attraverso i nuovi mezzi di comunicazione e di informazione (specie, appunto, la televisione), non solo l’ha scalfita, ma l’ha lacerata, violata, bruttata per sempre...
Pier Paolo Pasolini, Corriere  della sera, 9 dicembre 1973

 
Un dibattito, un grande interrogativo PDF Stampa E-mail

22 novembre 2007

Active Image

“Il Colonialismo classico depredava le ricchezze dei colonizzati, ma, pur imponendo le proprie leggi, rimaneva sostanzialmente estraneo alla loro cultura. Il Neocolonialismo – quello della globalizzazione – ha invece dichiarato guerra totale al mondo non occidentalizzato: ogni spazio va conquistato, ogni mente sottomessa, ogni cultura omologata. Quale posizione assumere, di fronte a questa situazione?”. Su questo concetto – che è più un dato di fatto che un’opinione – il Gruppo di Vicenza di Movimento Zero ha organizzato, venerdì 9 novembre scorso, un incontro pubblico a cui erano stati chiamati come relatori Padre Nicola Colasuonno dei Missionari Saveriani di Brescia e Francesca Casella, responsabile italiana di Survival (vedi link a lato). Intitolandolo, non a caso, “Occidentali go home?”.
Nei relatori invitati avevamo visto il contrapporsi di due posizioni che ci sembrano simboliche di quello che è oggi l’atteggiamento di buona parte dell’Occidente nei confronti del cosiddetto Terzo Mondo (intendendo con questo termine non solo le popolazioni “non sviluppate”, ma anche -  e questo è il campo d’azione specifico di Survival - quei popoli che rifiutano l’apporto della civiltà occidentale, preferendo mantenere stili di vita e culture ancestrali).
Nei loro confronti, la posizione e l’agire di Survival sono chiari. Non “difesa” di questi popoli dall’Occidente: come ha detto Casella in un suo intervento, “difenderli” da qualcosa, fosse anche ciò che noi identifichiamo come male, significa ancora una volta decidere per loro e al loro posto; quanto difesa, questo sì, del loro diritto di scegliere liberamente ed autonomamente la strada da seguire, anche qualora contemplasse l’acquisizione di elementi della cultura “bianca”. Così, per esempio, Casella ha raccontato di come siano stati fallimentari interventi occidentali che, sia pur attuati in perfetta buona fede, non avevano tenuto conto dell’adattamento all’ambiente e dello stile culturale delle popolazioni locali, ma anche di come molte culture indigene usino correntemente il computer per parlare di sé, per mantenere i contatti con culture diverse ed anche per combattere la loro battaglia in difesa della propria “diversità”. Secondo Survival, insomma, bisogna guardarsi dal riproporre una versione aggiornata, ma non meno pericolosa, del mito del buon selvaggio – figlio, del resto, proprio di quel razionalismo illuminista che teorizzò ad attuò la conquista e la “civilizzazione” dei popoli non europei.
Più “familiare” è apparsa la posizione dei Saveriani. Lontana e più moderna del missionariato classico, essa tuttavia ammette che un intervento sia possibile, in quelle realtà più critiche e degradate, magari proprio per effetto di politiche occidentali sconsiderate e di rapina. Rispettosi anch’essi della diversità culturale e perfino religiosa delle popolazioni indigene – Padre Colasuonno ha detto che la conversione non è più affatto un obiettivo primario, e che invece si guarda alle differenti espressioni religiose come a manifestazioni comunque della presenza divina – i Saveriani sembrano proporre un tipo di intervento che quasi ricorda, paradossalmente, un insegnamento maoista celebre negli anni Sessanta: non portare il pesce a chi ha fame, quanto piuttosto insegnargli a pescare.
Atteggiamenti, dunque, entrambi discutibili e proprio per questo interessanti. Che però si sono scontrati con un terzo punto di vista emerso dal pubblico. Attenzione, hanno detto infatti alcuni dei presenti - riferendosi soprattutto alla posizione di Survival - a non cadere nell’errore di considerare il Progresso come neutro, e le sue conquiste e i suoi prodotti come optionals che possono essere accettati o rifiutati senza danno e senza conseguenze. In realtà, il Progresso sarebbe comunque politico, sempre promosso da interessi economici di grandi aziende occidentali che mirano solo a impadronirsi di nuovi mercati installandovi il bisogno di consumare i nostri prodotti, ed in ogni caso veicola contenuti culturali diversi ed estranei rispetto alle culture locali. Difendere questi popoli dalla “infezione” occidentale non significa dunque praticare una specie di neocolonialismo antimodernista, ma salvaguardare una diversità culturale che è patrimonio dell’umanità intera (e sua futura e possibile risorsa e via di salvezza, ha aggiunto in un altro momento Casella, in questo d’accordo con le posizioni dei suoi obiettori).
Come si vede, un dibattito intenso e ricco di stimoli e suggerimenti.

Giuliano Corà

 
Illusionisti PDF Stampa E-mail

20 novembre 2007

Active Image

Stiamo andando dritti dritti verso un vicolo cieco. Ma con una luce in fondo.
Oddio, potreste obbiettarmi che in un vicolo cieco ci siamo già: democrazia che di democratico ha solo il nome, soperchieria manifesta di una classe dirigente senz’altro credo che non la soddisfazione dei desiderata dell’economia, sfascio di ogni limite umano nella società (in)civile, estinzione di ogni rispetto reciproco nei rapporti umani, irrefrenabile paranoia collettiva per il superlavoro a cui votarsi ogni santo giorno per pagare uno stramaledetto debito pubblico, cappio stretto da Stato e banche intorno alle nostre teste.
E il mercato delle statuine di cera, ovvero dei nostri politici tronfi di parole e colmi di vuoto, sforna oggi un nuovo prodotto: il partitone artificiale di Berlusconi. E’ la degna risposta all’altro piazzista, Walter Veltroni, e al suo Pd di cartapesta. Il senso delle due operazioni è chiaro: semplificare l’arena partitica per giungere a grandi formazioni che illudano il popolo di contare qualcosa (di qui le primarie per uno e i gazebi per l’altro). Per cementare col mastice della “novità” e dell’appello alla “partecipazione” il controllo totale dei veri padroni del gioco: la rete di interessi economici e finanziari che ha nei salotti di Londra, Francoforte, New York e nei suoi corollari romani e milanesi le sue vere sedi (la Grande Truffa della politica asservita all’economia).
Per essere ammansito, il popolo, ricordava pochi giorni fa Massimo Fini, ha da sempre bisogno di panem et circenses. Noi aggiungiamo: ha bisogno di credere di essere sovrano, ascoltato, riverito e vezzeggiato dai suoi presunti “rappresentanti”. La coppia Veltroni-Berlusconi è il quadretto perfetto di questa illusione di massa: si ammantano del consenso della mitica “gente” con meccanismi mediatici e simil-elettorali da quattro soldi, e poi fanno e disfano le regolette del risiko partitocratico cambiando la legge elettorale a loro immagine e somiglianza. Per far fuori i partitini che ostacolano l’union sacrée, quella differenza sempre più inesistente fra Destra e Sinistra che fa tanto comodo al pensiero unico liberal-capitalista.
Partito Democratico e Partito del Popolo della Libertà: due partiti per una stessa via. Ma non senza uscita. Perché da oggi si apre uno spazio potenzialmente enorme per chi voglia far saltare il banco e scoprire il velo dell’ipocrisia politica su cui si regge l’Italia. Cioè per chi, come noi, alla Destra e alla Sinistra mira sostituire la battaglia contro la Destra e la Sinistra. Per la Libertà dal modello obbligato di vita di cui i politicanti e le loro bande sono, tutti indistintamente, alfieri e guardiani prezzolati.

Alessio Mannino

 
«'A Warter, ma ar Comune, chi ce stà?» PDF Stampa E-mail

20 novembre 2007

Active Image

Le nostre città sono preda di caccia dei politici alla ricerca di visibilità e poltrone. Roma, ad esempio, o viene amministrata in un certo modo (molto amichevole verso le lobby dei palazzinari, in primis quel Francesco Gaetano Caltagirone proprietario del Messaggero, suocero di Pierferdi Casini e ai vertici del terzo polo bancario nazionale, il "rosso" Monte Paschi di Siena), o non viene amministrata proprio. Già, il Walter c'ha da fa', ahò. Ecco cosa ci scrive un aderente di Movimento Zero di Roma:

Veltroni vuole continuare a fare il sindaco di Roma nonostante svolga il ruolo di leader del Partito Democratico.
Dall’alto della sua presunzione pretende di amministrare la capitale “part-time”. Qualsiasi dirigente di un’azienda privata, comportandosi così, sarebbe destinato al fallimento. Lui, ovviamente, no. O forse sì?
Letizia Moratti gli ha risposto per le righe affermando: “Io, come sindaco di Milano, mi dedico tutta la giornata”. Al di là della retorica di circostanza, ha perfettamente ragione.
Ma Walter è convinto di svolgere il ruolo di sindaco in maniera impeccabile. Ma ne siamo davvero sicuri?
Roma è una metropoli difficile da gestire, di certo ha molti più problemi di una qualsiasi “grande” città italiana. L’amministrazione comunale però ha “toppato” su due punti cruciali: la gestione del traffico locale e del manto stradale.
Da semplice cittadino credo si sia fatto troppo poco per ristrutturare le strade, che in molti quartieri sono ancora piene di buche, tombini, rialzi, collinette e dune, che oltre a rovinare le ruote delle macchine rischiano di provocare gravi incidenti. Personalmente sono una vittima diretta della scarsa lungimiranza del Comune veltroniano su questo fronte.
Nel 2004 a piazza Conca d’Oro ho dovuto cambiare l’asse anteriore delle ruote della mia automobile per una buca profonda mezzo metro che mi è costata quasi 300 euro.
All’epoca le strade del quartiere Monte Sacro erano in condizioni pessime, al punto che su un piccolo quotidiano locale, “L’eco della Quarta”, diretto dal consigliere di An Roberto Borgheresi, vennero pubblicate le foto di un gruppo di consiglieri comunali intenti a disputare una partita di golf in quella via.  Una goliardica manifestazione di protesta che simboleggiava la reale condizione di disagio di molti cittadini romani e non.
Ma i casi sono tanti ed estesi a tutta la capitale (da via Cassia alla Tiburtina, dall’Appia  Nuova all’Ostiense, da San Lorenzo a Monte Mario, fino a Tor di Quinto, dove questa volta i rom non c’entrano) e non sempre si è intervenuti in maniera efficace. 
Anche la gestione del traffico urbano lascia molto a desiderare. Si obbligano i cittadini a non prendere la macchina il giovedì (giornata di targhe alterne) e la domenica ma non si offrono valide alternative con il trasporto pubblico. Gli autobus sono lenti e sempre in ritardo, la metropolitana non raggiunge tutti i quartieri, il tram è circoscritto ad alcune zone del centro.  Si sta provvedendo con la costruzione della terza Linea (la metro C), ma ci vorranno ancora diversi anni per il suo completamento, con l’aggravante per studenti e fuori sede di un aumento vertiginoso degli affitti in nero (altro disagio sociale scarsamente combattuto da questa amministrazione di centrosinistra).
Insomma i problemi da affrontare sono ancora tanti, e davvero Veltroni vuole continuare a fare il primo cittadino di Roma a tempo parziale?
Ci pensi bene, caro Walter. Le do un consiglio spassionato: lasci perdere, si dedichi ai suoi rapporti clientelari da segretario del Pd ed affidi la poltrona di sindaco a chi vuole davvero bene alla città e non la usa come trampolino di lancio per la propria carriera politica. E che magari lavori anche “a tempo pieno”. Ovviamente “determinato”.
Elia Banelli

 
Mercato degli schiavi PDF Stampa E-mail

19 novembre 2007

Active Image

Legge 30 (o Biagi), contratti a tempo, a progetto e di “collaborazione” – leggi: di sfruttamento -: nient’altro che un espediente per condannare all’incertezza perenne la vita di chi lavora. La paura di non vedere riconfermato il proprio posto di lavoro da un giorno all’altro è sempre dietro l’angolo, e il terrore di non portare nulla a casa è ormai una psicosi di massa.
Grazie alla libertà che questi contratti conferiscono ai datori di lavoro, tutto è arbitrario: se non mi servi più, fuori dalle palle. Persone trattate come merce di scambio, costrette a vagare da una azienda all’altra per stipendi da fame e contratti di una manciata di mesi. Si lavora tremendamente di più per cercare di mantenere il proprio piccolo spazio vitale, si è costretti spesso a fare due o più lavori, con la conseguenza di vedere annullare il proprio tempo libero (che già in questa formula sottintende che l’altro tempo, quelle del lavoro, sia un tempo “schiavo”).
Si è facilmente sostituibili con altri schiavi in qualsiasi momento, la professione e la persona sono scindibili: quello che fai tu, lo può fare qualcun altro. “Devi lavorare e guadagnare”, per soddisfare i richiami voluttuosi di un mercato insaziabile: questo il dogma. Il tempo per se stessi è un concetto che il sistema economico non ammette.
E’ un sistema morboso, che annichilisce le persone e le rende sudditi flagellanti, costretti ad una situazione insostenibile. Il sogno dell’uomo, da sempre,  è stato di lavorare meno, per dedicarsi a sé e alla propria crescita spirituale e culturale. Oggi l’unico valore è il denaro, che per assurdo è il più irraggiungibile di tutti (perché non basta mai).
I nostri governanti non si curano del disagio del Paese, scaricandosi le colpe a vicenda e non ammettendo la catastrofe in atto. Che ha responsabilità a monte che includono in un unico girone infernale il macigno del debito pubblico creato ad arte dal sistema finanziario, la politica serva dei banchieri e dei loro complici nella grande industria, e nei media di regime che sostengono il baraccone puntando i riflettori sul dito (la mancanza di lavoro) invece che sulla luna (il circuito criminale banche-lobby industriali-classe politica-stampa e televisione).
Ma i mercanti si sa, hanno sempre poco orecchio. Se solo qualcuno di loro provasse per un mese a vivere come noi, ne morirebbe. Ma non è solo cambiando la legge 30 che cambieremo il Paese, ma  tornando a dare importanza al più grande dei valori umani: il Tempo. Che è vita, e non denaro. Riprendiamoci le nostre vite: lavoriamo tutti, di meno, stabilmente.

Antonello Molella

 
<< Inizio < Prec. 141 142 143 144 145 146 147 148 149 Pross. > Fine >>

Risultati 2257 - 2272 di 2370