Avviso Registrazioni

Scusandoci per l'inconveniente, informiamo i nuovi utenti i quali desiderino commentare gli articoli che la registrazione deve essere fatta tramite Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

Login Form






Password dimenticata?
Nessun account? Registrati

Cerca


 
  SiteGround web hostingCredits
Eurogendfor PDF Stampa E-mail

2 Agosto 2018

Image

 

Da Comedonchisciotte del 30-7-2018 (N.d.d.)

 

Salvini e Di Maio dovrebbero approfittare del periodo di favore di cui godono ancora presso l’opinione pubblica per uscire dal Trattato di Velsen e togliere agli interessi bancari europei il diritto di mandare le truppe di normalizzazione, ossia l’Eurogendfor, in Italia, in caso di caduta di questo governo. L’autunno e l’inverno presentano insidie per il governo: il pil cala, lo spread sale, diversi miliardi fuggono all’estero, l’” Europa” esige una manovra da 5 miliardi, la flat tax e il reddito di cittadinanza sono in sospeso, la Germania cerca di scaricare sui paesi sottomessi i 55.000-75.000 miliardi di dollari di titoli tossici nella pancia di Deutsche Bank (per non parlare delle perdite sui derivati e dei passivi delle Landesbanken). Potrebbe implodere l’Eurosistema. Le forze politiche della sinistra in Italia sono disorganizzate, ma l’apparato del “golpe”, o “regime change” (Berlino, BCE, Quirinale, mass media, magistratura interventista), già collaudato ripetutamente dal 2011 in poi, è ancora tutto pronto e ultimamente dà segni di attivazione coi barconi e con le toghe.

 

Mattarella (scelto da Renzi), Conte (amico di Mattarella e socio del figlio di Napolitano), la Casellati (fedele di Berlusconi), Fico (Boldrini bis), Tria (allineato) possono formare un fronte europeista istituzionale capace di mandare a casa Lega e Di Maio, di concerto con i potentati finanziari esterni, aiutati da qualche opportuno naufragio di migranti da gettare addosso alla Lega e da un deciso aumento dei tassi sul debito pubblico. I recenti invii di migranti su improbabili barconi hanno chiaramente lo scopo di mettere in difficoltà Salvini e magari occasionare un incidente mortale che consentirebbe di estrometterlo sostituendo la Lega col PD e l’appoggio esterno di Berlusconi. Nella crisi finanziaria scatterebbe un intervento del Meccanismo Europeo di Stabilità, col fondo salva stati e probabile arrivo della troika, come in Grecia, a completare il saccheggio dell’Italia, aiutando la Germania a gestire i suoi guai finanziari suddetti.  Vi sarebbe opposizione politica e popolare, e allora interverrebbe la polizia militare di crisi, la European Gendarmery Force (Eurogendfor, EGF), istituita dal Trattato di Velsen nel 2010. Una polizia militare internazionale praticamente irresponsabile, avente la sua principale sede nella caserma Chinotto di Vicenza. Raccomando quindi che il governo, e soprattutto il Ministro degli interni, per non vederci nuovamente occupati da militari stranieri, operino per tirar fuori l’Italia dal Trattato di Velsen e per convertire ad altro uso la caserma Chinotto. Raccomando che vengono date direttive ai questori, quali comandanti locali di tutte le forze dell’ordine (non però dell’Eurogendfor!), di prevenire e controbattere eventuali azioni di forze straniere (ricordate l’incursione della Gendarmerie francese in Italia? Saggiava il terreno). In questo dovrebbero essere affiancate dalle forze armate, previe opportune consegne da impartire ad esse.

 

Marco Della Luna

 

 
Durezza del vivere PDF Stampa E-mail

1 Agosto 2018

 

Non ho capito perché la durezza del vivere la deve insegnare il mercato e non la scuola pubblica.

 

Stefano Rosati

 

 
Una gabbia di interconnessioni planetarie PDF Stampa E-mail

31 Luglio 2018 

Image

 

Da L’intellettuale dissidente del 28-7-2018 (N.d.d.)

 

Che c’entrano Marchionne (pace all’anima sua) e il governo grillo-leghista di Di Maio e Salvini? C’entrano, c’entrano. Il fil rouge si chiama globalizzazione. O meglio, l’alternativa globalismo/sovranismo. Un’alternativa, come vedremo, più sognata – anche e soprattutto in senso nobile – che reale, purtroppo. O forse no, chissà. Ma andiamo con ordine. Ha scritto Stefano Feltri sul Fatto Quotidiano del 26 luglio: Marchionne ha salvato la Fiat, ma ha distrutto tutto quello che la Fiat rappresentava per questo Paese. Perché non rispondeva a logiche di politica industriale o di ricerca del consenso, ma strettamente finanziarie (…) Nei 14 anni in cui ha salvato più che la Fiat il valore del pacchetto azionario di controllo di Fiat, Marchionne ha costretto la classe dirigente di questo Paese ad ammettere il proprio declino.

 

Senza avventurarci in questa sede in una disamina puntuale del bilancio professionale dell’italo-canadese che ha de-italianizzato la Fiat cambiandole financo il nome, la chiave per capire il successo in vita e le celebrazioni in morte (in troppi casi di una piaggeria rivoltante, da parte delle grandi firme agiografe della stampa nostrana) è racchiusa in una parola: globalizzazione. Il manager che lavorava sempre, ignorando confini di tempo e di spazio è stato il prototipo per eccellenza dell’uomo d’affari dell’era globale: per lui sovrana era solo l’azienda, il bene dell’impresa stava sopra tutto e tutti, la responsabilità sociale e l’appartenenza nazionale un cumulo di residui nostalgici che, coerentemente, sarebbe stato semplicemente illogico che intralciasse il passo dell’unica e sola bussola, il business. Punto. Di qui il coro d’esaltazione da parte di un pensiero stradominante, beninteso nell’élite politico-economico-giornalistica, che vede in lui il campione delle magnifiche sorti progressive del modello di sviluppo in cui siamo invischiati, dove a contare è il risultato di profitto, e solo dopo, e in subordine, il benessere vivo, qualitativo, esistenziale di quel popolo che secondo santa Costituzione dovrebbe essere depositario della sovranità e in diritto di reclamare una esistenza libera e dignitosa per ciascun cittadino.

 

Il governo gialloverde (o gialloblù) sorto dall’alleanza fra Movimento 5 Stelle e Lega – contrattuale, temporanea e di convenienza: basti leggere l’ultima polemica sulla famiglia omo – sta invece cercando, a tentoni e con inevitabili contraddizioni interne, di rovesciare l’assunto per cui uno Stato sovrano debba obbligatoriamente mantenersi ligio ai binari prestabiliti dell’ordine globale, che per immediatezza possiamo plasticamente rappresentare nella famosa trojka Ue-Bce-Fmi, o ancor meglio nel Patto Quadripartito Ue-Bce-Fmi-Nato (con salottini strategici annessi come il Bilderberg e Trilaterale). Lo sta facendo poco? Lo sta facendo male? Sì, anzitutto per l’oggettiva ragione che la classe dirigente delle due forze politiche è in media decisamente inadeguata al compito, mancando di uno spessore intellettuale e di una visione politica a lungo termine degna di questo nome. Ma l’indirizzo di fondo è inequivocabile: un tentativo di recupero dell’autodeterminazione. Lo si chiami pure sovranismo, ma questo è. Da un lato il Decreto Dignità nel campo sociale e lavorativo, e dall’altro il ridirezionamento sull’accoglienza dei migranti in contrasto con il solito, peloso immigrazionismo rinunciatario, sono due segnali, perfettibili e con punte rimarchevoli finché si vuole, ma di una benvenuta inversione di marcia. Ma c’è uno scoglio che difficilmente, molto difficilmente sarà superabile. Perché strutturale, per usare una vecchia fraseologia. Ed è appunto il meccanismo stesso del sistema globale. Che, per quanto un singolo governo di un singolo Stato possa fissare strette sulle delocalizzazioni o contestare i paletti dei contabili liberal-liberisti di Bruxelles, oppure sfruttare gli spazi ancora liberi per le rivendicazioni nazionali sul limes o, che so, arrischiare salutari politiche autonome d’amicizia verso la Russia, resta pur sempre una gabbia di interconnessioni planetarie, fra geopolitica egemonizzata (sempre più a fatica) dagli Usa e dai suoi ancillari scagnozzi, e mercati finanziari con multinazionali con capitale legale qua e capitale fiscale là (come la Fca, giusto per fare un esempio a caso), tale per cui un governo democraticamente eletto che poniamo voglia far valere la volontà popolare, ha minor peso di uno spread coi titoli statali della nazione-guida dell’Unione Europea, o di un andamento di Borsa occultato come fatalità naturale di cui prendere atto e a cui rassegnatamente obbedire, o dell’equilibrio di forza militare e politica di un’Alleanza Atlantica che ha perduto la sua ragion d’essere originaria da un pezzo abbondante. Hai voglia tu a spingere verso la sovranità: istanza verace ma dai contorni confusi e priva di una teoria di lungo raggio (oè, stiamo sempre parlando, per grillini e leghisti, di gente che si muove nell’alveo liberale, per quanto venati di anti-liberalismo de facto), ti troverai a rassicurare contemporaneamente che né euro né Nato sono in discussione, accettando di buon grado le abituali condizioni di sempre. Vedasi l’acquisto degli F 35 confermato per non dispiacere a mister Trump, che dal canto suo fa anche bene a voler scrollarsi di dosso parte delle spese statunitensi nella Nato (peccato che in cambio non intenda cedere il comando del carrozzone, ‘sto yankee). Diciamolo chiaro: il sovranismo all’italiana (da non confondere con il fascismo, imperialista a tutto tondo, né col nazionalismo otto-novecentesco, per il banale motivo che non siamo più da nessun punto di vista nell’Otto-Novecento) è una linea d’orizzonte giusta e sacrosanta, perché fa rima con libertà dei popoli, comunque si concepisca il significato della parola popolo, che al momento è inquadrato nei limiti statuali, poco da fare; ma è una battaglia persa in partenza, se lo si pensa come riconquista utopica e ritorno puro allo status quo ante globalizzazione. E tuttavia resta la lotta per cui vale la pena far politica oggi, più realisticamente intesa come agire al meglio per ottenere il possibile. Con una battuta: sempre meglio gli ambigui e insufficienti no-global sovranisti Di Maio e Salvini degli invotabili Renzi, Letta, Monti, Berlusconi e globalisti vari de noantri. Ciò che importa è non deflettere dal principio-guida: essere liberi di decidere il proprio destino. Idealismo di granito e realismo flessibile, Don Chisciotte e Sancho Panza fusi in uno, sarebbero Grande Politica, oggi. Come del resto era ieri, e come sarà domani.

 

Alessio Mannino

 

 
Presstitute in allarme PDF Stampa E-mail

30 Luglio 2018

Image

 

Da Rassegna di Arianna del 29-7-2018 (N.d.d.)

 

Ma non vi vergognate di accusare il governo in carica e Salvini in particolare, di spartirsi le nomine come voi praticate da una vita? Non vi vergognate – voi sinistra, voi clero intellettuale di sinistra, voi giornali e tg di sinistra, voi navigati sindacalisti Rai e voi più ipocriti e paludati benpensanti di cripto-sinistra – di gridare allo scandalo e di indignarvi solo perché i grillini e i leghisti, in modo naïf, ricalcano le vie della lottizzazione che voi praticate con professionismo servile da decenni? Anzi, al tempo di Renzi toccò perfino rimpiangere la spartizione di sempre, perché prese tutto lui, in Rai e non solo. Stavolta la pietra dello scandalo è stato Marcello Foa, venuto dal Giornale di Montanelli e poi rimasto nel Giornale di Feltri fino a quando si è trasferito nel Canton Ticino a insegnare scienza della comunicazione e a amministrare un gruppo editoriale ticinese. Mai fatto politica, nessuna macchia nella fedina penale e nella reputazione, nessun legame sospetto. Nulla di scandaloso. Ma per il valoroso Collettivo dell’Informazione italiana più Pd, a cominciare dalla Corazzata Repubblika, Foa dice di essere allievo di Montanelli (un millantatore, dunque), insegna manipolazione delle notizie cioè fake news e non scienza della comunicazione, è addirittura ospite di Russia Today e dunque è un prezzolato al servizio di Putin, ha persino ritwittato qualcosa di tale Francesca Totolo, “patriota finanziata da Casa Pound” (che notoriamente dispone di miliardi, altro che il povero Renzi col suo piccolo aereo di carta, a spese nostre, che costava qualche centinaio di milioni). E poi, è un depravato: pedofilo? Serial killer? Terrorista? Magari, peggio: “sovranista”. No, questo non si può sentire, condivide il turpe vizio del 60% degli italiani, secondo gli ultimi sondaggi. Volete la controprova? Ha scritto un tweet contro Mattarella. Il crimine, anzi il regicidio, che suscita l’orrore anche del mite Corriere della sera, è il seguente e lo ha tirato fuori il cane poliziotto sanbernardo Emanuele Fiano, della squadra omicidi del Pd. Ecco il testo: “il senso del discorso di Mattarella: io rispondo agli operatori economici e all’Unione europea, non ai cittadini. Disgusto”. Se non lo avesse firmato anche col suo cognome avrei potuto riconoscerlo come mio. Lo condivido, e non per questione di marcelleria, nel disgusto; non verso il Capo dello Stato ma verso questa sua posizione che offende la democrazia, la costituzione e il popolo sovrano. Se fossi Foa lo metterei nel curriculum…

 

Non lo hanno ancora accusato di razzismo e antisemitismo per via del cognome, ma presto dimostreranno che Foa nel suo caso è l’acronimo di Fascisti Organizzati Antieuropei e si fa chiamare così per confondersi con gli ebrei vittime del fascismo. Gentiloni almeno è stato spiritoso, dicendo che un sovranista come Foa ci farà uscire dall’Eurovisione. Ma gli altri… ho provato imbarazzo per loro, per la loro faccia reversibile col retro, per la loro verità e dignità ridotte – come dicono a Napoli – a mappine e’ ciess. Non so se Foa otterrà il via libera dalla commissione vigilanza e che ordini darà il Faraone Berluscone, ma Foa è semplicemente uno che non la pensa come l’Establishment ma come gran parte degli italiani. Non so se ci andrà in Rai e cosa farà, ma a me sembra un bel segnale di rottura. Non sul piano del metodo di nomina (decide la politica, come sempre) ma sul piano della discontinuità con le precedenti ondate di servizievoli ripetitori dell’Unica Opinione Autorizzata. Sarà dura per lui scendere dalla felpata Svizzera al Piano di Sotto, il Canton Tapino. Addio Lugano bella, bentornato nell’Inferno italo-italiano.

 

Marcello Veneziani

 

 
Parlamenti inutili? PDF Stampa E-mail

29 Luglio 2018

Image

 

Da Rassegna di Arianna del 26-7-2018 (N.d.d.)

 

L’intervista di Davide Casaleggio alla Verità dà ragione, una volta di più, all’intuizione di Carl Schmitt secondo cui le categorie del politico sono concetti teologici secolarizzati. Il pensiero del figlio ed erede di Gianroberto, ideatore del Movimento 5 Stelle, prima forza politica italiana, ne è la conferma. Un misto di utopismo, ambiguità, confusione, silenzi e banalità con al centro un concetto fuorviante e molto post moderno: la politica è un fatto tecnico, anzi un problema tecnico, che può essere risolto con appositi algoritmi. Il suo pensiero è articolato, ma si è tentati di dare ragione a Carlo Calenda, il rampante oligarca in quota PD, che a proposito di Casaleggio junior, conosciuto nell’evento semi riservato tenuto a Ivrea, ha commentato che gli è parso più “un ragazzino sprovveduto che un Darth Vader”. Premesso ad uso di chi ignora la saga di Guerre Stellari che Darth Vader è l’eroe negativo dal mantello nero, i giudizi liquidatori sono in genere frutto di arroganza. Il nuovo titolare della Casaleggio & Associati ci appare piuttosto una persona priva di cultura politica, dunque assai pericolosa, tenuto conto del suo ruolo e del controllo che esercita, attraverso la piattaforma informatica Rousseau, sul primo partito italiano. Il brano dell’intervista che ha suscitato le reazioni più negative è quello in cui teorizza il superamento della democrazia rappresentativa a favore di quella partecipativa incardinata nella Rete. Non sappiamo se sia stata una scelta dell’abile intervistatore, Mario Giordano, ma scrivere rete con la maiuscola ci ha colpito. Sostiene Casaleggio che “Internet deve essere inteso come un diritto essenziale a cui tutti i cittadini devono avere accesso.” La portata epocale di Internet non sfugge ad alcuno, ma uno strumento non può essere un diritto essenziale.  Grazie alla Rete e alle tecnologie, prosegue Casaleggio, possediamo strumenti di partecipazione più efficaci in termini di rappresentatività del volere popolare di qualunque modello di governo novecentesco. Il superamento della democrazia rappresentativa è quindi inevitabile. Il giovanotto si spinge a profetizzare che tra qualche lustro il parlamento non esisterà più.

 

Per lui, dunque, la formazione del consenso e la conseguente decisione politica si risolvono in un fatto essenzialmente tecnico. La democrazia partecipativa è migliore non in sé, ma in quanto più facilmente in grado, grazie alla connessione informatica, di fondare la volontà generale. Non è per caso che l’invenzione dei Casaleggio, la piattaforma Rousseau, ha questo nome. Noi consideriamo il pensatore ginevrino uno dei personaggi più negativi della filosofia politica moderna. La sua influenza resta uno degli elementi degenerativi più insidiosi da due secoli e mezzo. I capisaldi del pensiero di Jean Jacques Rousseau passati per osmosi a Casaleggio sono il mito dell’uguaglianza naturale, l’utopia della democrazia diretta e l’inganno della volontà generale. La volontà generale russoviana non coincide con la decisione maggioritaria, ma è la realizzazione dell’ambiguo “io comune”, ovvero il volere collettivo degli individui suppostamente costituiti in corpo unico, senza garanzia alcuna per il dissenso e le minoranze. Una teoria dell’acclamazione (eterodiretta). Nella realtà, la volontà generale si trasforma facilmente nella legge del più forte, o con le parole di Roberto Michels, del più organizzato. […] Ci si chiede se Casaleggio abbia una scarsa cultura politica (la tesi estremizzata di Calenda) o sia il consapevole banditore di un’era post politica e post ideologica fondata sulla tecnica, non diversa dalle premesse poste da Bernays o Lippman, con mezzi più pervasivi, la rete appunto. Tutto diventa questione tecnica da risolvere tecnicamente, come aveva compreso Martin Heidegger definendo gestell, impianto, ossatura essenziale della società contemporanea, l’imposizione della tecnica ancella della scienza, strumento di potere, mezzo di dominazione.

 

Casaleggio è tutt’altro che un rivoluzionario. Nessuna messa in discussione del sistema socio-economico vigente, nessuna analisi critica del neoliberismo tecnologico, accolto come fatto compiuto, indubitabile datità unica del secolo XXI. Quali sarebbero dunque i compiti della democrazia partecipativa a base di clic, se non si discute l’” impianto”, base del sistema? Su questo punto, l’imprenditore tecnologico, piccolo Mark Zuckerberg de noantri, tace. In compenso, interrogato sul ruolo futuro dei robot e sull’intelligenza artificiale che minaccia, insieme con milioni di posti di lavoro, l’umanità come l’abbiamo conosciuta finora, la risposta non è diversa da quella di ogni progressista e materialista: è un’opportunità, né vede o coglie controindicazioni, in termini morali, antropologici e politici. Al contrario, sembra inclinare verso un transumanesimo light, giacché “stiamo assistendo a un’evoluzione incredibile sul fronte della computazione dei processori e nello studio del cervello umano. Credo più in un’estensione delle capacità umane (…) che nella creazione di robot umanoidi come quelli che vediamo nei film”. Le preoccupazioni non sono che indici di arretratezza culturale, incapacità di antivedere, tanto da fargli affermare che “l’innovazione tecnologica consentirà la nascita di un nuovo umanesimo”. Nessuna critica ai giganti della new economy, i suoi modelli. Essi sono diventati tali per essere stati i più lesti a cogliere le opportunità, generando, udite udite, “profitti e lavoro diretto e indotto per milioni di persone. Nessun accenno al lavoro distrutto e alla qualità infima di quello nuovo, la triste gig economy. Anche rispetto ai social media, Casaleggio non vede problemi o controindicazioni: basta saper scegliere. Ma quale pensiero critico insegna a distinguere tra vero e falso, giusto e sbagliato, se tutte le carte sono in mano ai colossi della tecnologia, che controllano ormai il nostro cervello, sanno letteralmente a che stiamo pensando in questo momento? Il buon giorno dato da Cristiano Ronaldo via Internet scatena in pochi minuti quattro milioni di “like”. L’intera popolazione della Croazia cui “piace” il saluto di un calciatore e lo dimostra con il gesto dell’invio sulla tastiera. Casaleggio addirittura nega che le nuove tecnologie ci rendano più controllabili. Taglia corto con un infastidito “direi che il tema risieda altrove”, un luogo che si guarda bene dall’identificare. Del resto, non si può chiedere a un attore dell’economia tecnologica di andare contro i propri interessi. Preoccupa molto, tuttavia, poiché la piattaforma Rousseau forma, determina e mette a tema il pensiero politico del maggiore partito italiano, peraltro con poche decine di migliaia di partecipanti attivi, smentendo la narrazione sulla democrazia diretta. Casaleggio ha imparato dai politici di vecchio stampo la capacità di non dire, di rimanere nel vago su temi decisivi. Alla domanda se abbia paura di un mondo in cui la tecnologia permetterà di cambiare i geni dell’uomo con un clic, ci fa sapere che “il metodo Crispr di editing (!!!) del DNA è sicuramente rivoluzionario e le sue applicazioni dovranno essere valutate dal punto di vista bioetico come altre innovazioni mediche del passato.” Non è così, giacché le vecchie scoperte mediche non ambivano a mutare l’essenza umana, ma si limitavano a curare specifiche patologie. Desta turbamento che non prenda posizione su questioni centrali: ciò che si può fare tecnicamente fare, si faccia, sembra concludere, magari dopo l’opportuna convocazione della piazza informatica, a cui i “competenti” avranno formulato la domanda nella forma più adatta per ottenere la risposta voluta, con il corollario, forse, delle consuete FAQ (le domande più frequenti) predisposte da chi controlla il sistema e fornisce, chiavi in mano, domanda e risposta. […] Bontà sua, Casaleggio ammette che il famoso “uno vale uno” teorizzato dal padre non significa uno vale l’altro, ma la dichiarazione d’intenti non va oltre, naufraga nel fumo di un contratto sociale alla Rousseau in cui prevale l’umore immediato, la facile demagogia, l’egalitarismo programmatico, l’indistinta volontà generale da giacobini fuori tempo massimo […]

 

La domanda resta la solita: quis custodiet custodes? chi ci garantisce un uso corretto, imparziale e volto al bene comune della Rete (maiuscola, per fare contento Casaleggio), se l’idea di Stato, di potere pubblico, sovranità resta indeterminata, un fondale rimovibile nel quale sguazzano i colossi transnazionali deterritorializzati? Chi sceglie i soggetti autorizzati a formulare le domande su cui i nuovi liberi cittadini digitali dovranno pronunciarsi, con un sì o un no perentorio entro il termine prefissato per la chiusura del sistema? I parlamenti, le assemblee reali, le discussioni concrete di uomini e donne in carne e ossa, pur con tutti i loro limiti, difetti e espedienti di potere, restano il mezzo migliore per alimentare il dibattito, conoscere i problemi nei loro risvolti, scoprire gli interessi in ballo, misurare le idee, infine, come disse un rispettabile politico del passato, Luigi Einaudi, “conoscere per deliberare”. Davide Casaleggio ci appare come un volto in più del sistema dominante, dall’ approccio benevolo, mite, un tecnocrate dal volto umano, un simil Zuckerberg senza maglietta grigia, ma con le stesse convinzioni, identica visione della vita e del futuro. […] Il neoliberismo tecnocratico imperante può dormire sonni tranquilli, la rivoluzione non arriverà da Casaleggio, né verranno poste domande di senso, indicati progetti che cambino la direzione di marcia. Un nuovo elemento di stabilizzazione del sistema è in pista. I suoi sostenitori potrebbero non gradire e pretendere davvero il cambiamento, a partire dal modello di società. Ma “i competenti” permetteranno che la domanda venga posta? Più semplice, sicuro e innocuo lo sfogatoio della Rete, il nuovo diritto offerto graziosamente dai dominatori.   Alla fine, un bel referendum a base di clic incontrollabili non si nega a nessuno. Temiamo di dover rimpiangere persino i pessimi parlamenti partitocratici della fallita democrazia rappresentativa, se l’alternativa è una piattaforma Rousseau generalizzata, gestita da un’azienda privata che tira i fili del primo partito postmoderno. Non avranno il nostro “like”, la nostra Patria non sarà mai la Rete.  Casaleggio ci sembra la declinazione postmoderna dei pilastri della società di Ibsen, banditori del nuovo per convenienza. Ci vuole ben altro per opporsi al modello tecno-liberista nemico. Stabilizzatore del sistema, teso a cambiare qualcosa perché poco cambi ai piani alti, come il Tancredi del Gattopardo, al secondo Casaleggio si attaglia il commento sprezzante di un monatto al povero Renzo Tramaglino, scambiato per untore della peste.” Va, va, povero untorello, non sarai tu quello che spianti Milano”. Purtroppo.

 

Roberto Pecchioli

 

 
Campione del globalismo apolide PDF Stampa E-mail

27 Luglio 2018

Image

 

Avrei voluto parlare d' altro, ma l'argomento del giorno merita sicuramente menzione. È morto a 66 anni Sergio Marchionne, tra l'inevitabile sconforto generale. Fino a ieri Marchionne rappresentava per noi un simbolo negativo, un simbolo di quel che non ci piace, che non vorremmo essere, che non vorremmo diventare. Naturalmente la morte annulla tutto: "oltre il rogo non vive ira nemica", scrisse Vincenzo Monti ed è pure la frase che campeggia sulla lapide del feldmaresciallo Nugent al "Vantiniano", il Cimitero Monumentale di Brescia. Repressore delle Dieci Giornate, Nugent ebbe pietosa sepoltura a spese del Comune dopo che, in fin di vita, commosso dall' ardore degli insorti, lasciò per testamento i suoi beni al municipio. Non saremo di certo noi quindi a tirar fango su Marchionne, siamo umani e non sciacalli, ma un giudizio largamente negativo del Marchionne imprenditore non possiamo non ammetterlo. È stato uno dei simboli della globalizzazione, a tutto scapito dei lavoratori. Si dice che ha salvato Fiat e Chrysler, con FCA. Diciamo che ha salvato piuttosto la cassaforte degli Agnelli o di quel che resta della stirpe, ha salvato la finanziaria e holding "Exor", di cui FCA rappresenta il 29% delle quote liquide e asset finanziari su borse e Mercati. Quindi, FCA: sede fiscale in Gran Bretagna, sede legale di diritto pubblico in Olanda, con stabilimenti in USA, Turchia, Italia, Serbia, Polonia, Brasile, Argentina e controllata da una holding mista olandese-lussemburghese (la Exor). La quintessenza del globalismo e della mondializzazione, una società da manuale. Bisognerebbe dire a lorsignori che parlano di Marchionne quale salvatore della "FIAT" che oggi non esistono più né Fiat, né tantomeno "Italia" nella azienda attuale. Nessun manager che conta ormai in FCA è italiano, l'ultimo ha lasciato recentemente, e comunque neppure lo hanno preso in considerazione per il dopo Marchionne. Gli operai di Pomigliano, di Melfi, di Mirafiori sono ormai una piccola parte olistica del Tutto e non hanno nessuna prerogativa o privilegio di "visione speciale" da parte dei piani alti. Si parla di fusione FCA-Hyundai, al momento voci. Dovesse per ipotesi accadere, il poco d' italiano che resta sparirebbe del tutto e gli stabilimenti italiani diventerebbero "poli del lusso". Tradotto: ghetti di produzione per ricchi. Ben lontani i tempi da quell' 11 luglio 1899 in cui l'ex ufficiale di cavalleria Giovanni Agnelli, assieme ad altri soci, fondò con atto notarile la Fabbrica Italiana Automobili Torino. In 118 anni si è passati dal pionierismo all' era spaziale, ma il Pantalone di turno resta sempre l'operaio. E non illudiamoci neppure con la Juve: un tempo fu una squadra, oggi è una "divisione" di una holding. Consoliamoci solo che qualcosa di italiano nella Juve è rimasto: Andrea Agnelli (i giocatori, a leggere la nuova formazione tipo, non parrebbe: forse uno su undici).

 

A Marchionne io voglio contrapporre la bella figura di Edoardo Agnelli (1954-2000), figlio dell'Avvocato, presumibilmente morto suicida (presumibilmente) saltando da un viadotto della Torino-Savona. Molti lo conoscono solo per un fattaccio di spaccio di droghe a Malindi, nel 1990, vicenda in cui fu assolto. Edoardo Agnelli non fu né drogato, né disadattato, né fallito, nulla di tutto questo e neppure "incapace" negli affari. Al contrario fu un uomo profondo ed intelligente, un fine intellettuale, studioso delle religioni e specialmente dell'Islam sciita. Criticò molte scelte di famiglia e la civiltà industriale e incontrò personalmente Khomeini per parlare di Dio, non di cose terrene. In Iran, la sua figura -qua obliata- è ancora ricordata con grandissimo rispetto. È sbagliato pure metterla in termini marxiani e dire che fu "coscienza infelice" del Capitalismo. Edoardo Agnelli fu un Ribelle, con la "R"maiuscola , non un fondatore di ideologie contrapposte a quella del suo ambiente. Non elucubrò teorie marxiste, socialiste, utopie, astrattismi e né tantomeno cadde in atteggiamenti bislacchi da enfant gaté annoiato. La storiaccia di Malindi infatti venne ben presto chiarita o comunque si trattò, forse, di uno scivolone, in cui tutti possono cascare, e non ebbe seguito. Edoardo Agnelli infatti dimostrò che si può avere una dimensione trascendente e spirituale pur crescendo in un mondo materiale e nella spiritualità manifestò la sua ribellione. È per questo che oggi voglio ricordare non Marchionne ma questa figura troppo spesso dimenticata. Fu anche grazie ai suoi rapporti con l'Iran che la allora FIAT accarezzò l'idea di uno stabilimento nel Paese del Golfo, idea mai del tutto tramontata fino a ieri, oggi ormai impossibile con le nuove furie anti-persiane di Donald Trump. Una grande occasione perduta...

 

Simone Torresani

 

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 49 - 64 di 2208